gay-village-conferenza

Fantàsia, un regno magico in cui uomini e natura conviveranno in armonia. Un unicorno cavalcato da un paladino è pronto a portare con sé una storia fantastica, fatta di diritti e di civiltà.

Sarà questo il tema della sedicesima edizione del Gay Village, che aprirà i battenti giovedì 8 giugno per tre mesi ricchi di eventi, spettacoli, musica, cultura e diritti civili. Ospiti d’eccezione tra cui Cristina D’Avena, Patty Pravo, Orietta Berti, Eva Grimaldi, Frankie Hi-NRG, Mario Venuti, Nancy Coppola e Arisa, saranno il fulcro di questa nuova stagione del più importante evento rainbow dell’estate.

gay-village-conferenza

Sono onorata di aver ricevuto l’invito del Gay Village, un luogo dove l’informazione, la cultura e il divertimento si fondono. Uno spazio infinito, libero e senza bandiere. Non vi dirà che ho molti amici gay, perchè i miei amici sono amici, indipendente dalla loro sessualità! E questo è ciò in cui credo. La sessualità non può essere etichettata o classificata; non esiste una sessualità di seria A, ed una di serie B… Esistono solo le persone, nelle loro molteplici sfumature! E fino a che non riusciremo ad amarci gli uni con gli altri, non riusciremo ad amare neanche il mondo. Ma in fondo, io ho fiducia… Grazie anche a questo villaggio dai mille colori”. A dichiararlo è stata Elenoire Casalegno, madrina amatissima del Gay Village 2017.

Il Parco del Ninfeo si trasformerà anche quest’anno in un vero e proprio villaggio senza barriere architettoniche ed interamente percorribile e visitabile, come da progetto ideato da Simone Tulli e realizzato dall’architetto Aldo Capalbo.

Le interviste

Alla guida della manifestazione quest’anno non ci sarà Vladimir Luxuria, che tornerà come ospite al Village il 28 giugno, ma una direzione artistica corale.

Pino Strabioli curerà le interviste spettacolo, I racconti di Fantàsia. Il 9 giugno sarà il turno di Veronica Pivetti, il 16 di Arturo Brachetti, il 22 di Patty Pravo, il 23 di Enrico Lucherini e Barbara D’Urso, il 24 di Orietta Berti. Eva Grimaldi si racconterà a Strabioli il primo luglio, mentre il 13 sarà il turno di Barbara Palombelli, Fiamma Satta e Imma Battaglia, il 15 di Chiara Francini. Antonello Dose porterà la sua esperienza il 25 agosto. A settembre sarà la volta di Luca Zingaretti, il 7, e di Ornella Muti, l’8.

gay-village

I concerti

Sull’Amarganta saliranno i principali protagonista della musica italiana, da Moreno a Cristina D’Avena, dall’astro nascente Giordana Angi alla bellissima Bianca Atzei, da Mario Venuti a Nancy Coppola, da Giulia Anania ad Arisa. Chiusura con il botto il 9 settembre con il concerto dei Planet Funk.

I DJ

Paola Dee e Annachiara Marignoli, organizzatrici dell’evento insieme ad Imma Battaglia e Mauro Basso, dirigeranno il calendario notturno ricco di dj. Si alterneranno alla consolle, tra gli altri, Brezet, Mads, Charlsgold, Mattia Matthew, Gaia Logan, Anne Cullen, le Calypse. Vestiranno le insolite vesti di disc jockey anche Frankie Hi-NRG, l’attore Ludovico Fremont e Giacomo Urtis. Protagonista assoluto in consolle sarà Steve Aoki il 14 luglio.

Da m2o, anche quest’anno radio ufficiale del Village che andrà in onda live dal Ninfeo con il programma condotto da Manuela Doriani, Stefania Tringali e Patrizia Prinzivalli, arrivano Dj Osso, Dino Brown, Reneè Petrova, Chiara Robiony e, appunto, la Doriani.

gay-village-m2o

 

Il teatro e i libri

Spazio anche alla cultura con spettacoli teatrali e presentazione di libri. Moltissimi le rappresentazioni. Daniele Gattano presenterà Fuori; Giovanna Donini, insieme a Annagaia Marchioro e Virginia Zini, tornano in scena con Modern Family 1.0. Grande ritorno anche per Paola Minaccioni con lo spettacolo Paola Minaccioni vs Dj Lady Coco.

Eugenio Durante, giovane presentatore siciliano, condurrà gli incontri letterari che vedranno le presentazioni delle opere di Andrea Alessio Cavaretta, Mariano Lamberti, Damiano Sergio Massaro, Dario Accolla, Vittoria Schisano, Angela Iantosca e Dimitri Cocciuti.

gay-village

Dal giovedì al sabato, l’estate a Roma, parla un linguaggio universale. Quello dell’amore. Al Gay Village non esistono barriere. Esiste solo la voglia di vedere un popolo, come quello degli unicorni, unirsi all’insegna dei diritti civili. Love has no frontiers. Perché è vita.

 

Per tutte le info: gayvillage.it