È da poco cambiato il menù di Core Bistrot, bar, ristorante, locale dove bere un drink, nel cuore capitolino di Centocelle. In questo locale di tendenza, infatti, è regola modificare i piatti, sia dell’antipasto che della cena, in funzione delle stagioni.

In una cornice in stile industriale rivisitato, il freddo inverno porta pietanze calde di carne e di pesce. Ogni portata è accompagnata da etichette di vini scelte con cura e cocktail espressi da consumare anche al bancone. L’ideatore del Core Bistrot assume come filosofia quella della ricetta italiana mixata con elementi esterofili. La rivisitazione qui, infatti, è di casa, tanto che i nachos vengono accompagnati da una crema di cacio e pepe. La mozzarella di Bufala campana si presenta come base alle puntarelle romane e la classica versione dello Spritz è proposta con una nota di lychee che lo rende nuovo e piacevole al palato.


Al Core Bistrot bisogna possedere una buona capacità di scelta, perché l’offerta è davvero molto ampia e le occasioni per mangiare a uno dei 40 posti all’interno o dei 50 all’esterno sono altrettanto molteplici, dalla colazione al dopocena.

Erika Graci