honda x-adv roma

Honda X-ADV, il nuovo scooter crossover realizzato dalla casa giapponese, è finalmente  arrivato nei concessionari. Dopo tutte le congetture e i discorsi che si sono fatti sulle sue straordinarie caratteristiche, finalmente è stato possibile toccarlo con mano!

Salendo in sella al nuovo Honda X-ADV abbiamo scoperto che il nuovo scooter ha davvero tante qualità interessanti.

Lo aspettavamo dai tempi del Salone del motociclo di Milano, l’EICMA di novembre, dove Honda lo aveva presentato a tutto il mondo. Ne avevamo visto video, foto e ne avevamo letto le caratteristiche tecniche. Tutto questo parlarne e leggerne ci aveva fatto venire voglia di metterci le mani addosso, di sentire l’acceleratore tra le mani e di testarlo su ogni tipo di strada e finalmente, dopo mesi di attesa, in sella al nuovo maxi scooter Honda ci siamo saliti davvero!

Da un punto di vista estetico lo scooter può piacere oppure no. I gusti non si discutono, dicevano gli antichi romani, e questo è indubbio. Possiamo dire che sono molto moderne e che riflettono uno stile rally, proprio per sottolineare le sue doppie capacità di on/off road. Dal vivo fa la sua bella impressione più che in foto e, soprattutto, guardandolo e toccandolo da vicino si può apprezzare la qualità delle plastiche della carenatura.  Per usarlo non bisogna andare per forza fuori strada: la sua grinta, e il suo stile sono perfetti anche per le strade urbane e extraurbane.

La posizione di guida è comoda, ci dicono che è disponibile anche una sella ribassata per chi la preferisce, la pedana non è piatta ma è suddivisa in due da un tunnel centrale. A questo bisogna aggiungere una protezione notevole da parte di scudo e parabrezza regolabile su 5 posizioni diverse. Il grande display del quadro è ben leggibile, in stile rally, è ricco di informazioni.

honda x-adv roma

Passiamo al motore e alla trasmissione DCT di Honda: sul nuovo scooter sono disponibili quattro differenti mappe per la gestione del cambio, una di base (D) e tre di tipo sportivo (da S1 a S3). Queste non cambiano le prestazioni erogate ma agiscono sullo stile di guida, intervenendo sul numero di giri che occorrono affinché intervenga la cambiata. Se non si vuole optare per il cambio automatico si può scegliere quello manuale, azionabile tramite due levette poste sul manubrio.

Insomma, siamo di fronte ad uno scooter che può essere apprezzato anche come un moto e che può fare anche off road su percorsi sterrati. I motivi per comprarlo sono tanti.

Innanzitutto Honda X-ADV è divertente da guidare. Con il manubrio largo e la bella strumentazione, sembrerà di stare su una vera enduro. Fra le curve si comporta bene e offre un divertimento assoluto: grazie alla ciclistica e ai pneumatici Trial Wing, si resta incollati alla strada e, con i 750cc, sfruttare tutta la potenza per vivere nuove emozioni. Anche in automatico, con la mappatura Sport 3 del cambio DCT si può guidare a ritmi elevatissimi .

X-ADV in off-road ci va davvero e grazie alle sue sospensioni, che assicurano 150 millimetri di escursione, assorbono buche, salti e colpi senza troppe sofferenze e, soprattutto, senza emettere rumori sinistri che possano far fermare il pilota. Questo perché, come dicevamo prima, le plastiche dello scooter sono di alta qualità, sono ben assemblate e non vibrano.

Honda X-ADV è anche un prodotto nato in Italia, dalla mente di due italiani che lavorano nel team ricerca e sviluppo di Honda e noi non possiamo fare altro che essere fieri e contenti che Daniele Lucchesi e Maurizio Carbonara abbiano ideato e progettato, qui in Italia, uno scooter che sarà apprezzato in tutto il mondo.

Valter Casini