Sabato 10 Dicembre, il maresciallo della Guardia di Finanza Antonio Bernardini è stato trovato riverso a terra in fin di vita accanto ad una pensilina dell’Atac all’Eur da un conducente di passaggio. A nulla è servito l’intervento del personale medico dopo il trasporto in ospedale, portando alla morte del finanziere fino ad un mese fa operativo presso la procura nell’ufficio del publico ministero Alessia Miele. A Lunedì, 12 Dicembre, l’autopsia che mostrerà la natura del decesso, chiarendo quell’anomalo foro accanto all’occhio che ha trasformato il caso in un vero giallo. Non è esclusa la possibilità di un malore e la prima verifica disposta dal magistrato, ossia l radiografia del cranio, non ha segnalato la presenza di proiettili.