prison-break

Appassionati di serie Tv, l’attesa è finita! Una della serie più belle e avvincenti degli ultimi anni sta tornando.

Dire degli ultimi anni forse potrebbe risultare un po’ riduttivo visto che la prima puntata è andata in onda nell’ormai lontano 2005  e sono passati ben sei anni dall’ultima puntata. Prison Break, ideata e co-prodotta da Paul Scheuring è un misto di azione, thriller, continui capovolgimenti di scena che portano lo spettatore a rimanere con il fiato sospeso per tutto l’episodio. Mai banale ne scontata appena si pensa di aver capito la chiave di lettura ecco che subito un personaggio amico passa dalla parte dei nemici, il ladro diventa guardia, chi prima scappava poi viene rincorso e soprattutto chi viene dato per finito in un modo o nell’altro riesce a risorgere.

prison - break

Michael Scoffield, Lincoln Burrows e Sara Tancredi sono i personaggi cardini della serie e attorno a loro ne orbitano almeno altri quindici che in quattro stagioni a volte rubano la scena agli stessi e che non fungono semplicemente da riempimento ma sono parte integrante della storia. Tutto inizia in America, nel penitenziario di Fox River in cui Lincoln è detenuto in attesa di essere giustiziato in quanto accusato di aver ucciso il fratello del governatore. Lincoln in realtà  è innocente ma vittima di un disegno dello Stato, che riesce ad inserirsi all’interno della società in ogni modo, e con ogni mezzo cerca di portare a termine quello per cui è stata creata. Michael, che di mestiere fa l’ingegnere e ha progettato il carcere dove è detenuto il fratello decide di farsi arrestare, non prima però di essersi tatuato sul corpo il percorso perfetto per evadere. In tutto questo una parte principale la occupa Sara, che lavora come medico nel penitenziario e si innamora di Michael, e sarà fondamentale nel piano di Scoffield. L’evasione però è solo la punta dell’iceberg.

prison-break

 

Nell’evoluzione degli episodi si ha sempre la sensazione che alla fine i protagonisti non riescano a raggiungere il loro obiettivo che appena sembra essere ad un passo svanisce come nel nulla e li costringe a riniziare da capo. L’attore che interpreta Micahel, l’inglese Wentworth Miller, è in modo indiscusso il filo che lega tutta la storia: è grazie a lui infatti che riesce l’evasione da Fox River ed è grazie alla sua intelligenza e perspicacia che alla fine riesce a tirarsi, e a tirare gli altri fuori dai guai riuscendo quasi sempre a mantenere il controllo della mente anche quando viene spinto dagli episodi al limite.

prison-break

La forza di una serie come questa sta proprio nel non essere scontata, nel dare la capacità a chi la guarda di non stancarsi e di lasciarla con la voglia di guardare il prossimo episodio, di non aver paura di far cambiare ruolo ai personaggi anche nel giro di due puntate, il tutto unito da una sottile trama amorosa, quella tra Michael e Sara, e un amore fraterno indissolubile che porta Scoffield a fare di tutto persuo fratello Lincoln e viceversa.

prison-break

 

Le stagioni si erano fermate a 4 e forse neanche i fan più ottimisti avrebbero pensato che ci sarebbe potuto essere un continuo e invece appena due anni fa la casa produttrice Adelstein-Parouse in collaborazione con Original Television e 20th Century Fox Television ha annunciato l’uscita di un piccolo sequel che andrà in onda da domani su Fox. Non sarà una vera e propria nuova stagione, se infatti siamo stati abituati a un numero molto alto di episodi per ogni stagione, circa 22, questa volta saranno solo 9.

prison-break

Non resta che mettersi comodi, fare un piccolo ripasso e tornare al punto in cui eravamo rimasti, il momento è finalmente arrivato!