“Pare che dorme…”: Spelacchio diventa un libro