domenica, Agosto 14, 2022
Home Metti a fuoco Paola (Turci) e Francesca (Pascale): La Lettura Stupenda di Daria Bignardi

Paola (Turci) e Francesca (Pascale): La Lettura Stupenda di Daria Bignardi

La stupenda lettura di Daria Bignardi sul matrimonio tra Paola Turci e Francesca Pascale è quello che dovrebbe rappacificarci con il giornalismo, l’opinion leader, la cronaca rosa, la narrazione dei diritti. Poco importa il becero contorno che ha colorato i giorni in cui le immagini di queste spose stupende hanno fatto il giro delle testate giornalistiche, soprattutto di quelle online. Poco importa se ancora questo è un paese in cui due ragazze che sono fidanzate e pubblicano un bacio su instagram sono poi costrette a creare una pagina instagram che si chiama “le perle degli omofobi“, per raccogliere tutti gli insulti che regolarmente riceve il loro amore.

Il Matrimonio tra Paola Turci e Francesca Pascale

In questo matrimonio c’era davvero tutto. La scelta della coppia di non esasperare né il clamore, né il segreto. L’amore, autenticamente visibile. L’imbarazzo e l’orgoglio, mostrati a tutti i presenti, invitati e fotografi accorsi in Val D’Orcia. Le dichiarazioni social, non calibrate, non mediate da social manager, tag o hashtag. La contenuta partecipazione social degli invitati.

I diritti delle unioni civili (?)

Francesca Pascale, mediaticamente massacrata per via della sua precedente unione, è da anni attiva in difesa dei diritti, non solo per quelli delle unioni civili, ma anche per il diritto alla libera scelta delle donne, e per i diritti degli animali. Questo è sempre stato molto poco raccontato, malgrado sia da anni un moto perpetuo nella sua comunicazione.

Francesca Pascale: Intelligenza e Moderata Superiorità

La becera stampa, quella radical chic e quella palesemente schierata contro l’amore libero, ha scelto di farne un caprio espiatorio, ma lei, ha reso loro la vita molto difficile con la semplice “strategia” della non risposta. Il patrimonio che avrebbe potuto avere rendendo pubblica la sua vita, è ben più ampio di quello di cui parlano tutti i giornali da settimane. Eppure oggi Francesca Pascale ha fatto una scelta di pudore decisa e neanche troppo nascosta. La sua è una comunicazione autonoma e libera, come la vita che ha scelto.

Paola Turci ha Un’unica etichetta: Cantautrice

Così come Paola Turci. In un costante percorso di rinascita al centro del quale ha scelto di mettere sempre il suo mestiere di cantautrice. Poca speculazione anche sull’incidente stradale che l’ha quasi uccisa. Poca spettacolarizzazione della sua vita privata. Diversamente da quanti la accusavano di nascondere una sua presunta omosessualità ha scelto di non darsi etichette. Non ha dovuto dimostrare che questo era il suo vero intento, nello schivare le domande su scatti rubati o insinuazioni del jet set ha solcato una strada, che ci auguriamo possa continuare ad essere percorsa:

non rendiamo spettacolo l’amore, non rendiamo spettacolo la scelta di amore, chiamandola outing, coming out, dichiarazione di omo o bisessualità. L’amore è o non è amore. Non esiste una definizione, non esiste un amore verso o contro natura. E’ contro natura qualsiasi amore non sia libero. Che non lo sia perchè qualcuno ci costringe a restare o che non lo sia perché all’interno di un amore non ci si sente liberi di essere come si è.

Paola Turci ha proseguito la sua storia musicale: indimenticabile il suo ritorno a Sanremo con “Fatti Bella Per Te“, che è diventata un vero e proprio inno alle donne che hanno scelto la libertà.

Paola e Francesca: l’Amore è Libero

Ed è nella forza di queste 2 donne, che si incarna l’amore libero, che non ha bisogno di avere un nome. Che non ha bisogno di avere un’età. Che non ha bisogno di proclami. E che loro non devono scegliere se mostrare o tenere nascosto. Non faccio fatica ad immaginare la fatica e l’invidia provata da colleghi e colleghe perché l’amore di Paola e Francesca, in una citazione dantesca naturale ripescata da Daria Bignardi per Vanity Fair, non ha suscitato la curiosa morbosità solita di eventi che spesso diventano in men che non si dica “fenomeni da baraccone”. Dopo le voci di una relazione tra le due e la tentata mercificazione di un messaggio a difesa dei diritti LBGT, Paola Turci e Francesca Pascale hanno servito per quello che semplicemente deve essere definito Amore Libero, l’assist decisivo per uscire da una comunicazione di massa schiacciata sotto le morse di sensazionalismo e sentimenti urlati.

Nessun Proclamo e Nessun Segreto per il Matrimonio di Paola e Francesca

Con buona pace di chi le ha preventivamente accusate di utilizzare il loro matrimonio per attirare l’attenzione, le due si sono sposate, belle come il sole e innamorate in modo evidente. Hanno utilizzato le immagini con trasparenza, usando le parole giuste. Ogni amore si poteva identificare in quello che abbiamo visto tra gli sguardi e la stretta delle mani di Paola e Francesca: i ventenni chi si sposano presto con la fretta di diventare casa; gli amori adulti, quelli della seconda possibilità che non pensavi di avere più, e invece ti arriva come una farfalla nello stomaco, che magari non avevi mai sentito così forte prima. Gi amori che arrivano dopo una lunga fatica alla ricerca della persona giusta, dopo scelte sbagliate, sofferenze e un viaggio che sembra non finire mai, alla scoperta di sé. In tutte queste varianti di amore, quello che hanno raccontato Paola e Francesca è “solo” la libertà. In un’estate di cronache che stanno mandando all’aria tutto quello che può essere un’idea di famiglia, questa, oltre ad essere una notizia di costume, è anche l’unica bella notizia che abbiamo letto sui giornali. Due persone che si amano, evidentemente, si sono sposate.

Senza esclusive, senza cuoricini, senza dirette, senza etichette.

Loro Hanno Detto “Si”

paola turci
Dal profilo Facebook di Paola Turci il giorno dopo le nozze

Serena Basciani
Serena Bascianihttp://www.serenabasciani.it
Appassionata di Letteratura, critica letteraria e affascinata da tutti i Mass media a partire dalla smemoranda passando per la tv e arrivando ai social network. Giornalista. Content Editor e Consulente in Comunicazione per piccole e grandi aziende e per i liberi professionisti che vogliono investire nel lavoro di Personal Branding. Per 15 anni ufficio stampa di Annalisa Minetti ed al suo fianco in tutte le imprese sportive e musicali come Sanremo 2005, le paralimpiadi di Londra e la maratona di New York, Tale e Quale Show e Ora o Mai Più (trasmissioni di punta della prima serata Raiuno). Il lavoro in cui c’è tutta la sua anima è il libro di medicina narrativa, Prendersi Cura di Sè con le Parole di Simona Amorese, curato per Edizioni Gribaudo. Oggi al timone di Occhio Che come Direttore Editoriale e di altri portali tematici. Nel 2012, quando era Direttore del mensile Vivessere, è stata premiata come Direttore Responsabile più giovane in Italia dal circolo della stampa di Milano. Oggi studia e si aggiorna continuamente per applicare la passione della scrittura al mondo digitale.
RELATED ARTICLES

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -

ARTICOLI POPOLARI