“Alfredino Rampi: La Tragedia che ha Cambiato l’Italia Diventa una Miniserie su Rai 1”

22Alfredino Rampi La Tragedia

"Alfredino Rampi: La Tragedia che ha Cambiato l'Italia Diventa una Miniserie su Rai 1" - Occhioche.it

Questa sera, Rai 1 trasmetterà in chiaro “Alfredino – Una storia italiana”, una miniserie in due parti che ricostruisce la tragica morte di Alfredino Rampi, il bambino di sei anni che nel 1981 cadde in un pozzo vicino Frascati, morendo dopo tre giorni di disperati tentativi di salvataggio. ‘intera nazione fu incollata davanti al televisore, seguendo con ansia e dolore le vicende di quel drammatico giugno 1981.

“Alfredino – Una storia italiana”: La Tragedia che ha Sconvolto l’Italia

La miniserie inizia con la famiglia Rampi in vacanza a Vermicino, nei pressi di Frascati. genitori di Alfredino, Franca e Ferdinando , hanno due figli: Alfredo di sei anni e Riccardo di due. Una sera, Ferdinando si accorge che Alfredo, solito recarsi a casa dei nonni attraversando i campi da solo, non è ancora tornato.

Le ricerche iniziano immediatamente, coinvolgendo gli abitanti delle case vicine. Tuttavia, Alfredino non si trova e Franca decide di chiamare la polizia. Grazie all’intuizione di un agente, il bambino viene trovato in fondo a un pozzo artesiano chiuso male, che era stato già ispezionato dal padre. La voce di Alfredino si percepisce appena, indicando che si trova a una profondità considerevole.

vigili del fuoco della stazione più vicina vengono chiamati per aiutare nel salvataggio. Tuttavia, il loro intervento iniziale, effettuato con una certa leggerezza e senza un’adeguata ispezione del pozzo, crea un ulteriore ostacolo, compromettendo la possibilità di recuperare il piccolo.

Nel frattempo, gli inviati dei telegiornali Rai arrivano sul posto, dando inizio a una lunghissima diretta televisiva. Questo evento segna l’inizio della cosiddetta “tv del dolore“, con oltre 25 milioni di persone incollate alla diretta di 18 ore e un microfono calato nel buio per far ascoltare ai telespettatori la voce disperata di Alfredino che chiede aiuto.

La Vera Storia di Alfredino Rampi: Un Evento che ha Cambiato la Televisione Italiana

Quella tragedia ha cambiato l’Italia per sempre. A distanza di quarant’anni, quei giorni di giugno del 1981 vengono ricordati come un momento in cui l’intera nazione si fermò, dimenticando crisi di governo e scandali, per seguire i disperati tentativi di salvare Alfredo.

Dopo che la notizia della caduta di Alfredino venne divulgata per la prima volta dall’agenzia Ansa, verso le 2 di notte dell’11 giugno, sul posto arrivarono alcuni giornalisti di TeleRoma 56 e poi quelli della Rai. Da quel momento, le reti iniziarono a occuparsi quasi totalmente della vicenda, segnando un punto di svolta nel mondo dei media e nella maniera di fare televisione.

La diretta non-stop attrasse circa 10.000 persone sul luogo dell’incidente. Si riunirono vigili del fuoco, speleologi, persone in cerca di visibilità, superando anche il confine “umano“. Iniziò così una spettacolarizzazione del dolore senza precedenti, con il telegiornale che mandava in onda in diretta i dialoghi tra la mamma di Alfredo e il piccolo, che a 30 metri di profondità gridava disperato la sua paura e il suo dolore.

Ne seguirono giorni di confusione, speranze e tentativi disperati di salvare il piccolo. Tuttavia, tutti i tentativi si rivelarono inutili e, dopo più di due giorni di agonia, Alfredino morì la mattina del 13 giugno.

Una Miniserie che Racconta una Storia di Dolore e Speranza

Questa miniserie affronta la storia di Alfredino con grande delicatezza, senza mai scivolare nel sentimentalismo. Diretta da Marco Pontecorvo, la fiction vuole ricostruire con precisione i fatti di quei giorni maledetti del 1981, ma anche riflettere su un momento che ha cambiato radicalmente il nostro paese.

Al centro della vicenda c’è una donna forte e coraggiosa: Franca Rampi, interpretata da una sensibile Anna Foglietta. Franca seguì passo dopo passo tutti i soccorsi, senza mai allontanarsi. Alla fine, nella disperazione, disse che non condannava nessuno, perché tanti si erano prodigati oltre le loro forze.

‘obiettivo della miniserie, quarant’anni dopo, è quello di utilizzare la distanza del tempo come un filtro, per raccontare – al netto dell’emotività – anche quello che è successo dopo, la grande eredità di Alfredino: la nascita della Protezione Civile. La serie non mostra mai il bambino nel pozzo e solo una volta fa ascoltare la sua voce. Anche per la musica, è stata scelta quella elettronica, che lascia un senso di sospensione, senza strappare le lacrime.

“Alfredino – Una storia italiana” è una miniserie che racconta una storia di dolore e speranza, di coraggio e determinazione, di una nazione unita nella tragedia. Una storia che ha cambiato l’Italia per sempre e che continua a essere ricordata ancora oggi.

Copyright © 2023 Occhioche.it | Tutti i diritti riservati. Giornale Online di Notizie di KTP.agency | Email: info@ktp.agency | Questo blog non è una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 | CoverNews by AF themes.