Maggiore rischio di diabete per anziani, uomini e residenti al Sud in Italia

Screenshot 2024 07 10 153651 Screenshot 2024 07 10 153651

Ultimo aggiornamento il 10 Luglio 2024 by Emiliano Belmonte

In Italia, il diabete affligge circa 3,9 milioni di persone, rappresentando il 6,6% della popolazione totale. Secondo le previsioni dell’Istat, questa cifra potrebbe raggiungere il 10% entro il 2040 se la tendenza attuale persiste. L’incremento costante dei casi di diabete è una preoccupazione crescente per il sistema sanitario nazionale, necessitando di interventi strategici e politiche efficaci per affrontare questa emergenza sanitaria.


Screenshot 2024 07 10 153654

Fattori socio-demografici influenti

L’età avanzata, il genere maschile e la residenza nelle regioni meridionali sono i principali fattori di rischio per il diabete in Italia. Le persone oltre i 74 anni hanno un rischio quasi otto volte maggiore rispetto a quelle di età compresa tra 45 e 54 anni, e gli uomini hanno un rischio circa del 40% superiore rispetto alle donne della stessa età. Vivere al sud aumenta il rischio di diabete di circa il 50% rispetto al nord.

Implicazioni delle disuguaglianze economiche

Il rischio di diabete è quasi doppio per coloro con un basso livello di istruzione rispetto a chi ha una laurea. Le difficoltà economiche aggravano ulteriormente la situazione: le persone con risorse economiche limitate hanno un rischio maggiore di circa il 30% rispetto a chi ha una situazione economica stabile.

Peso di obesità e inattività fisica

L’obesità e la mancanza di attività fisica sono strettamente legate all’aumento del rischio di diabete. L’obesità raddoppia il rischio di sviluppare la malattia, mentre la sedentarietà lo incrementa di circa il 30%.

Effetti sulla qualità della vita

Screenshot 2024 07 10 153648

Il diabete, insieme ad altre malattie croniche, compromette significativamente la qualità della vita dei pazienti. Nel 2022, gli anziani con diabete e altre condizioni croniche hanno riportato una soddisfazione di vita inferiore di 5 punti percentuali rispetto a quelli senza diabete, e di 9 punti rispetto alla media nazionale. Le differenze sono particolarmente marcate nel Mezzogiorno, dove solo il 26,4% degli anziani diabetici si dichiara soddisfatto della propria vita.

Sfide nell’assistenza sanitaria

Gli anziani con diabete, spesso affetti da altre malattie croniche, richiedono cure complesse. Personalizzare e semplificare i percorsi di cura è essenziale per migliorare l’aderenza ai trattamenti e la qualità della vita. Le innovazioni tecnologiche e farmaceutiche offrono nuove opportunità per una migliore gestione del diabete e riduzione della frammentazione delle cure.

Influenza dell’ambiente e dei cambiamenti climatici

Recentemente, è emerso che i cambiamenti climatici e l’ambiente giocano un ruolo nell’insorgenza di malattie croniche non trasmissibili come il diabete. Questo legame richiede maggiore attenzione e interventi coordinati da parte delle istituzioni sanitarie.

Necessità di un approccio regionale coordinato

Permangono significative disparità regionali nella prevenzione, nell’accesso alle cure e nell’uso delle tecnologie sanitarie. È cruciale un approccio più coordinato e strutturato per affrontare il diabete come una priorità di salute pubblica.

Screenshot 2024 07 10 153645


Il diabete rappresenta una sfida complessa che richiede interventi integrati e collaborativi a livello nazionale e regionale. Solo attraverso la cooperazione tra istituzioni, società scientifiche e aziende sarà possibile migliorare la prevenzione, il trattamento e la qualità della vita per chi soffre di diabete.