Peaky Blinders: Addio a Benjamin Zephaniah, l’attore che interpretava Jeremiah nella serie

Peaky Blinders Addio A Benjam

Peaky Blinders: Addio a Benjamin Zephaniah, l'attore che interpretava Jeremiah nella serie - avvisatore.it

Addio a Benjamin Zephaniah: morto a 65 anni lo scrittore, poeta e attore di Peaky Blinders

Benjamin Zephaniah, noto scrittore, poeta e attore britannico, è scomparso all’età di 65 anni a causa di un tumore al cervello diagnosticato otto settimane fa. La triste notizia è stata annunciata dalla sua famiglia tramite un post su Instagram. Nato a Birmingham da genitori di origine barbadiana e giamaicana, Zephaniah ha lasciato un segno indelebile nel mondo dell’arte e dell’intrattenimento.

Il ruolo di Jeremiah in Peaky Blinders

Molti lo ricorderanno per il suo coinvolgimento nella serie televisiva di successo Peaky Blinders, in cui ha interpretato il personaggio di Jeremiah “Jimmy” Jesus per 14 episodi distribuiti nelle sei stagioni della saga. La serie, ambientata nella Birmingham degli anni ’20, racconta la storia di una famiglia e della loro banda criminale. Il protagonista Cillian Murphy ha voluto rendere omaggio a Zephaniah, definendolo “una persona splendida e dotata di un vero talento. Un poeta, uno scrittore, un musicista e un attivista che ha lasciato un segno nella storia. Un orgoglioso Brummie e un vero Peaky Blinder. Sono devastato da questa notizia”.

Un artista poliedrico e un attivista

Oltre alla sua carriera nel mondo dello spettacolo, Benjamin Zephaniah è stato un artista poliedrico. La sua voce si è espressa attraverso la poesia, la scrittura e la musica, ma anche attraverso il suo impegno attivo per i diritti umani e la giustizia sociale. La sua eredità artistica e il suo impegno sociale continueranno a ispirare e a influenzare le generazioni future.

La scomparsa di Benjamin Zephaniah rappresenta una grande perdita per il mondo della cultura e dell’intrattenimento. La sua arte e il suo impegno resteranno per sempre nella memoria di coloro che hanno avuto il privilegio di conoscerlo e di apprezzare il suo lavoro.