Rivelazione di Ruby Barker: La difficile decisione di abbandonare Bridgerton e il percorso verso il benessere mentale

Rivelazione Di Ruby Barker La Rivelazione Di Ruby Barker La
Rivelazione di Ruby Barker: La difficile decisione di abbandonare Bridgerton e il percorso verso il benessere mentale - Occhioche.it

Ultimo aggiornamento il 10 Giugno 2024 by Francesca Monti

‘attrice Ruby Barker, nota per il suo ruolo di Marina Thompson nella popolare serie Netflix, Bridgerton, ha recentemente annunciato che non tornerà più nella serie. Durante un’intervista con Digital Spy per promuovere la sua nuova serie, Breaking Through with Zeze Mills, Ruby ha rivelato le ragioni dietro la sua decisione.

‘addio a Bridgerton e le sfide personali

Ruby Barker ha svelato che la sua decisione di non tornare in Bridgerton per la terza stagione e oltre non è stata presa a cuor leggero. ‘attrice ha spiegato che ci sono due motivi principali per la sua scelta. In primo luogo, la decisione non è interamente nelle sue mani. In secondo luogo, e più importante, durante le riprese della serie, Ruby ha lottato con problemi di salute mentale che hanno influito sulla sua capacità di continuare a recitare.

“Mentre vivevo l’esperienza più straordinaria della mia vita, a livello professionale, la mia salute peggiorava di giorno in giorno”, ha raccontato Ruby. “Non si trattava di un attacco d’ansia gestibile, depressione o qualcosa di simile. Ero seriamente malata e non potevo farcela a sostenere tutto”.

Questa lotta personale si è intrecciata con la storia del suo personaggio, Marina Thompson, che anche lei affronta problemi di salute mentale nella serie. “Da come è andata avanti la sua storia e la mia, dubito fortemente che i produttori, gli autori della serie mi chiameranno per tornare ad interpretare Marina”, ha aggiunto Ruby.

Il viaggio verso il recupero e l’impegno per la salute mentale

Nonostante le difficoltà affrontate, Ruby Barker si ritiene soddisfatta del suo percorso e di come ne sia uscita da questa brutta situazione. “Si tratta di una storia agrodolce, perché per me non è tutto balli da sala e abiti colorati, ma il lato positivo è che sono contenta di avercela fatta e di essere andata oltre. Sto molto meglio ora”, ha affermato l’attrice.

Ruby ha sottolineato che ora è molto più consapevole e cosciente a livello mentale, e che questo è il suo obiettivo principale. Oltre a concentrarsi sul suo benessere personale, l’attrice ha rivelato che sta lavorando attivamente nel settore della salute mentale.

“Lavoro con Wellbeing in the Arts, che è un ente di beneficenza per la salute mentale degli attori, e fornisce servizi gratuiti per quanto riguarda la loro salute mentale. Molti attori non sanno che questo genere di cose è disponibile”, ha spiegato Ruby.

Inoltre, Ruby Barker è anche un’ambasciatrice di Mind, un’organizzazione che si batte per migliorare lo standard dei reparti psichiatrici del servizio sanitario nazionale nel Regno Unito. “È una cosa completamente diversa, ma le condizioni in cui verte il servizio è terribile, in particolare per le persone di colore. Ed è così da anni”, ha concluso l’attrice.

Questa è la storia di Ruby Barker, un’attrice che ha trovato la forza di affrontare le sue sfide personali e di usarle per fare la differenza nella vita degli altri. La sua decisione di lasciare Bridgerton non è solo un riflesso delle sue difficoltà, ma anche un passo coraggioso verso il suo benessere e il suo impegno per la salute mentale.