Amadeus al timone di Sanremo 2021

Sono giorni di annunci per la macchina poderosa del Festival Di Sanremo. A farli il suo timoniere, Amadeus, che oggi ha annunciato il nome della seconda co-conduttrice al suo fianco. Amadeus svela il nome dell’attrice-rivelazione che sbarcherà a Marzo nella città dei fiori «Sono giornate complicate, ma abbiamo anche una bella notizia: oltre a Elodie, come co-conduttrice per una sera abbiamo chiuso con Matilda De Angelis che sta avendo un grande successo con The Undoing, la serie con Nicole Kidman e Hugh Grant. Mi piace perché è una giovane attrice, spigliata, con una caratura già internazionale: sarà l’occasione per farla conoscere ancora di più»

Amadeus, confermato alla conduzione e direzione artistica di Sanremo 2021 dopo il successo dello scorso anno, si sta dimostrando un leader vero. Lo scorso anno aveva iniziato la conferenza stampa di presentazione del Festival con una gaffe riguardo all’importanza delle donne “che sanno stare un passo indietro”. Gaffe magistralmente gestita anche grazie all’ironia e alla sapienza di Fiorello, sul palco con l’amico di sempre anche per questa edizione.
Quest anno Ama si riprende le donne e l’autorità di chi sa cosa fare e come farlo, le dichiarazioni che ha rilasciato al Corriere della Sera dimostrano tutto il carisma di un’autentica risorsa della Rai e della musica, che entrambe hanno saputo riscoprire nel corso dell’anno appena concluso “Io non mi metto a sindacare di protocolli sanitari e mi affido al giudizio di tecnici ed esperti. Su come si fa uno spettacolo invece penso di avere l’esperienza per sapere come si realizza uno show così importante. Mi sento quotidianamente con le major e gli indipendenti – continua Amadeus – con tante persone che mi chiedono di fare un grande Festival perché la musica è in fin di vita. Il Festival blindato non serve a niente, non è uno spettacolo televisivo, passerebbe alla storia per il Sanremo del Covid, per il Sanremodella desolazione” le parole del conduttore tuonano con ancora più valore quando chiede il supporto della Rai tutta e dell’industria musicale “Non vorrei che sembrasse che mi sono intestardito a fare Sanremo a tutti i costi. Lo deve volere la Rai, la discografia e la città di Sanremo. Lo dobbiamo volere tutti: o siamo compatti e lavoriamo per farlo al meglio oppure ci rivediamo nel 2022” concetto, questo ultimo, ripreso anche dal manager di Amadeus, Lucio Presta, che sui suoi profili social si riferisce senza fronzoli allo stop “di un giro di valzer” qualora non ci si trovasse tutti uniti per procedere verso lo scopo comune di consegnare al pubblico italiano uno spettacolo degno di quelli andati in onda fino ad ora, senza dover celebrare un Festival figlio del Covid.

Pubblico contrattualizzato e tamponato, sala stampa operativa, Piazza Colombo senza eventi. Tutto questo farà sicuramente parte di un Festival a norma di legge, ma Amadeus ed il suo staff, pur adeguandosi alle normative vigente non vogliono rinunciare ad uno spettacolo degno del suo nome.

A breve su Occhio Che la pagina interamente dedicata al Festival, per non perdere neanche una news