Via della Seta: Meloni critica i risultati, ma la Cina non si arrende

Via Della Seta Meloni Critica

Via della Seta: Meloni critica i risultati, ma la Cina non si arrende - avvisatore.it

Giorgia Meloni critica la Via della Seta

La premier Giorgia Meloni ha espresso le sue opinioni sulla Via della Seta durante la firma dell’accordo per lo sviluppo e la coesione tra il Governo e la Regione Lombardia. Meloni ha affermato che lo strumento della Via della Seta non ha dato i risultati sperati e ha sottolineato la necessità di mantenere e migliorare i rapporti di cooperazione commerciale ed economica con la Cina. In risposta alle critiche di Giuseppe Conte, che ha definito il ritiro dell’Italia dall’accordo un fallimento clamoroso, Meloni ha chiesto spiegazioni sul motivo per cui l’Italia è l’unica nazione ad aver aderito alla Via della Seta senza avere gli scambi commerciali più consistenti con la Cina.

La risposta della Cina

La Cina ha risposto alle dichiarazioni di Meloni attraverso il portavoce del ministero degli Esteri, Wang Wenbin, che ha sottolineato l’importanza del progetto cinese. Wenbin ha affermato che il progetto coinvolge investimenti infrastrutturali su larga scala in progetti di infrastrutture marittime e terrestri. Ha inoltre sottolineato che rappresentanti di 151 paesi e 41 organizzazioni, inclusa l’Italia, hanno partecipato al Silk Road Forum tenutosi in Cina lo scorso ottobre. Wenbin ha respinto fermamente i tentativi di screditare e indebolire la Nuova Via della Seta, sottolineando il sostegno internazionale ricevuto e l’influenza globale esercitata dalla Cina.

Il Pnrr e la sanità

Parlando del Pnrr, Meloni ha sottolineato i risultati positivi ottenuti grazie al duro lavoro svolto. Ha affermato che i 12 miliardi di euro liberati con la revisione del Pnrr sostengono le imprese italiane. Meloni ha ringraziato il ministro Raffaele Fitto per il lavoro svolto e ha evidenziato l’attenzione del governo verso la sanità. Ha affermato che quest’anno sono stati stanziati fondi senza precedenti per il Fondo sanitario, ma ha sottolineato che le risorse non sono mai sufficienti. Meloni ha spiegato che il governo si sta concentrando sul rinnovo dei contratti del personale sanitario e sull’abbattimento delle liste d’attesa, incluso l’ipotetico sgravio fiscale dei premi di risultato. Ha assicurato che il governo presta la massima attenzione a questi temi, poiché rappresentano una delle priorità più urgenti per i cittadini.

Il centrodestra e l’Europa

Infine, Meloni ha riflettuto sul ruolo del centrodestra in Europa. Ha affermato che il centrodestra dovrebbe rimanere all’interno del perimetro politico già noto in Italia. Ha osservato che i partiti di centrodestra sono sempre stati divisi in diverse famiglie politiche in Europa e ha sottolineato che ciò non ha impedito loro di governare con successo in Italia. Meloni ha affermato che l’obiettivo deve essere quello di far crescere il ruolo dell’Italia in Europa e di costruire una maggioranza compatibile al Parlamento europeo dopo le prossime elezioni. Ha concluso affermando che è possibile governare insieme con un’Europa diversa, pur facendo parte di famiglie politiche europee diverse.