Lamborghini Huracán: L’ultimo giro adrenalinico prima dell’addio

Lamborghini Huracan Lultimo

Lamborghini Huracán: L'ultimo giro adrenalinico prima dell'addio - avvisatore.it

La Lamborghini Huracán si prepara a lasciare il palcoscenico dopo una carriera di successo

La Lamborghini Huracán, iconica supercar del marchio di Sant’Agata Bolognese, si appresta a concludere la sua brillante carriera dopo quasi dieci anni di produzione. Presentata per la prima volta al Salone di Ginevra nel marzo 2014, la Huracán ha rappresentato un importante passo avanti rispetto al suo predecessore, la Gallardo, introducendo il concetto di “supercar quotidiana”. Nel corso degli anni, sono state vendute oltre 25.000 unità di Huracán, un successo destinato a crescere ulteriormente con la produzione del 2024, già completamente prenotata. A fine anno, verrà presentata la sua erede, una versione ibrida plug-in, che si unirà alla neonata Lamborghini Revuelto.

In attesa di scoprire la nuova generazione, abbiamo avuto l’opportunità di metterci al volante delle versioni più esclusive della gamma attuale: la Huracán EVO Spyder (640 CV, trazione integrale) e la Huracán Sterrato (610 CV, trazione integrale).

La Huracán EVO Spyder: un’esperienza di guida emozionante

La versione Spyder della Huracán EVO offre un’esperienza di guida ancora più coinvolgente rispetto alla sua controparte coupé. Non è necessario abbassare la capote elettrica, che si apre in soli 17 secondi fino a una velocità di 50 km/h, per godere del suono del potente motore V10 da 5.2 litri. Basta abbassare il lunotto in vetro per lasciare che il rombo del motore penetri nella cabina, generando un sorriso terapeutico. Con un rapporto peso/potenza di 2,28 kg/CV, la Huracán EVO Spyder può raggiungere una velocità massima di 324 km/h, accelerando da 0 a 100 km/h in soli 3,5 secondi e da 0 a 200 km/h in 9,6 secondi.

La vettura è dotata di numerosi sistemi elettronici, tra cui un avanzato controllo della trazione che consente di gestire facilmente la potenza in uscita dalle curve senza interrompere bruscamente l’erogazione. La Huracán EVO Spyder presenta un telaio leggero realizzato in alluminio e fibra di carbonio, combinato con una scocca in resina termoplastica e alluminio. Le sospensioni a doppio triangolo con quadrilateri sovrapposti e gli ammortizzatori magnetoreologici a controllo elettronico garantiscono un’ottima tenuta di strada. All’interno, l’abitacolo offre un’ergonomia impeccabile e materiali di alta qualità, tra cui pelle e Alcantara. La strumentazione e l’infotainment sono completamente digitali, con un touchscreen da 8,4 pollici che permette di gestire le funzioni del veicolo tramite comandi gestuali o vocali.

La Huracán Sterrato: la supercar che sfida i terreni accidentati

La Huracán Sterrato è stata progettata per offrire prestazioni eccezionali su terreni sterrati e sabbiosi, combinando l’esperienza di guida di una supercar con il divertimento di un’auto da rally. Rispetto alla Huracán EVO, la Sterrato presenta un’altezza da terra aumentata di 44 mm, una carreggiata anteriore più ampia di 30 mm e una carreggiata posteriore più ampia di 34 mm. La vettura è dotata di una protezione sottoscocca anteriore in alluminio, brancardi rinforzati, diffusore posteriore e passaruota più robusti, oltre a una presa d’aria dinamica sul cofano posteriore.

La Huracán Sterrato è equipaggiata con pneumatici Bridgestone Dueler AT002 appositamente progettati, che offrono massima versatilità su ogni tipo di superficie. Queste gomme, con misure 235/40 R19 all’anteriore e 285/40 R19 al posteriore, sono dotate di tecnologia “run-flat” e garantiscono un’autonomia di 80 km a una velocità di 80 km/h in caso di foratura. All’interno, la strumentazione presenta nuove grafiche e funzionalità specifiche per la guida su terreni sterrati, come l’inclinometro digitale e l’indicatore di beccheggio e rollio.

La Lamborghini Huracán ha lasciato un segno indelebile nel mondo delle supercar, combinando prestazioni straordinarie con un design mozzafiato. Mentre ci prepariamo per l’arrivo della sua erede, non possiamo fare altro che apprezzare il contributo che questa vettura ha dato al marchio Lamborghini.