Amazon censura libri di Ia su cancro: Carlo III coinvolto

Amazon censura libri di Ia su cancro: Carlo III coinvolto - avvisatore.it

Un libro su Re Carlo scritto dall’intelligenza artificiale rimosso da Amazon

Un libro su Re Carlo scritto dall’intelligenza artificiale è stato rimosso da Amazon dopo che il Buckingham Palace ha dichiarato che contiene false affermazioni sulla diagnosi di cancro del monarca. Secondo quanto riportato dal Mail on Sunday, si tratta di uno dei sette libri della piattaforma che sono stati tolti dal commercio a causa delle loro affermazioni “invasive” e “insensibili” sul re.

Le affermazioni sul cancro di Re Carlo

Il libro, scritto con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, descrive il momento in cui Carlo ha scoperto di avere il cancro, provando “paura, rabbia e disperazione”. Secondo il libro, il re ha subito un’operazione per rimuovere un tumore e ha poi sperimentato affaticamento a causa dei cicli di chemioterapia e radioterapia. Inoltre, il libro afferma che il re ha un cancro alla pelle e alla prostata ed è stato ricoverato in ospedale per un “incidente inspiegabile”.

La risposta del Buckingham Palace e di Amazon

Il Buckingham Palace non ha confermato il tipo di cancro che affligge il re e ha dichiarato che i suoi avvocati stanno esaminando il caso. Nel frattempo, Amazon ha rimosso i libri dalla vendita e ha dichiarato che ha investito tempo e risorse per garantire che i libri pubblicati sul suo sito web rispettino le linee guida sui contenuti. Tuttavia, sembra che le risposte fornite dagli editori sulla presenza di intelligenza artificiale nella scrittura dei libri non siano state verificate.

In conclusione, un libro su Re Carlo scritto con l’aiuto dell’intelligenza artificiale è stato rimosso da Amazon dopo che il Buckingham Palace ha sollevato dubbi sulle affermazioni false riguardanti la diagnosi di cancro del re. La risposta del Palazzo reale è stata categorica, definendo il libro “invasivo, insensibile e pieno di imprecisioni”. Amazon ha dichiarato di aver preso misure per garantire che i libri pubblicati sul suo sito web rispettino le linee guida sui contenuti, ma sembra che ci siano state delle lacune nella verifica delle informazioni fornite dagli editori.