Calvani: Pullman da tutta Italia per la manifestazione al Circo Massimo

Calvani: Pullman da tutta Italia per la manifestazione al Circo Massimo - avvisatore.it

Arriva la manifestazione di giovedì a Circo Massimo: adesioni in aumento

La manifestazione organizzata da Cra Agricoltori traditi si terrà giovedì a Circo Massimo e si prevede un grande afflusso di partecipanti. Secondo Danilo Calvani, leader del movimento, sono attese circa ventimila persone provenienti da tutta Italia. “Stiamo avendo tante adesioni in queste ore”, afferma Calvani, “e ci aspettiamo un grande sostegno da parte dei cittadini che dimostrano solidarietà agli agricoltori”.

Un evento aperto a tutti, tranne ai violenti

La manifestazione è aperta a tutti coloro che vogliono partecipare, ad eccezione di soggetti violenti. Calvani ribadisce che la piazza sarà un luogo di incontro pacifico e di espressione delle istanze degli agricoltori. “La piazza è aperta a tutti tranne ai violenti”, sottolinea Calvani. “Ci aspettiamo una partecipazione numerosa non solo da parte degli agricoltori, ma anche da parte dei cittadini che vogliono mostrare solidarietà e sostegno alla nostra causa”.

Un evento di grande importanza per il settore agricolo

La manifestazione organizzata da Cra Agricoltori traditi riveste una grande importanza per il settore agricolo italiano. Attraverso questa iniziativa, gli agricoltori intendono portare all’attenzione delle istituzioni e dell’opinione pubblica le difficoltà e le sfide che affrontano quotidianamente. “Abbiamo bisogno di essere ascoltati e di ottenere risposte concrete”, afferma Calvani. “La nostra manifestazione è un modo per far sentire la nostra voce e per chiedere un sostegno reale al settore agricolo”.

In conclusione, la manifestazione di giovedì a Circo Massimo organizzata da Cra Agricoltori traditi si preannuncia come un evento di grande rilevanza per il settore agricolo italiano. Con un’adesione in aumento e la partecipazione di cittadini solidali, gli agricoltori sperano di ottenere l’attenzione delle istituzioni e di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle difficoltà che affrontano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *