Delmastro querela Renzi per il coinvolgimento nel caso Pozzolo

Delmastro querela Renzi per il coinvolgimento nel caso Pozzolo - avvisatore.it

Il Sottosegretario alla Giustizia querela Matteo Renzi per diffamazione

Il Sottosegretario alla Giustizia, Andrea Delmastro Delle Vedove, ha deciso di querelare il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, a seguito delle sue dichiarazioni riguardo alla vicenda dello sparo di Capodanno. Durante un evento a Biella, Renzi ha sfidato Delmastro a sottoporsi al test del DNA per escludere la sua presunta responsabilità nell’utilizzo dell’arma da fuoco di Pozzolo. In risposta, Delmastro ha dichiarato: “Io le querele non le annuncio, io le faccio“. La denuncia è stata depositata più di una settimana fa.

Delmastro ha sottolineato che ha fornito la sua versione dei fatti ai giornali il giorno successivo all’incidente, precisando di non essere stato presente. La stessa versione è stata fornita anche alla Procura della Repubblica. Il Sottosegretario ha affermato: “Riconosco che Renzi abbia il diritto di parlare di quaquaraqua, anzi che abbia la laurea honoris causa. Se ha qualcosa da dire, oltre le illazioni, vada in Procura come ho fatto io nei suoi confronti“.

Delmastro Delle Vedove: “Chi non è quaquaraqua va in Procura”

Delmastro ha concluso la sua risposta a Renzi affermando: “Chi non è quaquaraqua va in Procura, chi è quaquaraqua malmosta nel campo delle illazioni“. Con queste parole, il Sottosegretario ha invitato Renzi a presentarsi alle autorità competenti se ha delle accuse concrete da fare. Delmastro ha sottolineato di aver agito nello stesso modo nei confronti di Renzi, presentando una denuncia formale alla Procura.

Renzi sfida Delmastro: “Prova del DNA per escludere la mia responsabilità”

La querela di Delmastro è stata una risposta alle parole di Renzi, che aveva sfidato il Sottosegretario a sottoporsi al test del DNA per escludere la sua presunta responsabilità nell’utilizzo dell’arma da fuoco. Renzi ha dichiarato: “Io sfido Delmastro a fare la prova del DNA per dimostrare che non è lui il terzo uomo coinvolto nella vicenda dello sparo di Capodanno“. Il leader di Italia Viva ha sottolineato che la sua sfida è volta a fare chiarezza sulla questione e a dissipare ogni dubbio sulla sua persona.