Ergastolo per Fulvio Baule: la tragica vicenda dell’omicidio a colpi d’ascia dei suoceri a Porto Torres

Ergastolo Per Fulvio Baule La

Ergastolo per Fulvio Baule: la tragica vicenda dell'omicidio a colpi d'ascia dei suoceri a Porto Torres - Occhioche.it

Un verdetto inappellabile quello emesso dalla Corte d’assise di Sassari nei confronti di Fulvio Baule, il 42enne di Ploaghe accusato di aver brutalmente ucciso i suoceri, Basilio Saladdino e Liliana Mancusa, il 26 febbraio 2022 a Porto Torres. ‘uomo, già separato dalla moglie Ilaria Saladdino, ridotta in fin di vita durante l’aggressione, dovrà scontare la pena del carcere a vita. Un caso che ha sconvolto l’intera comunità e che ha visto la richiesta dell’ergastolo da parte della pubblica accusa nella persona della pm Enrica Angioni.

“‘aggressione cruenta e premeditata: la richiesta delle aggravanti”

La tragica vicenda ha avuto inizio nella serata del 26 febbraio, quando Fulvio Baule si è recato presso l’abitazione dei suoceri a Porto Torres. Secondo la ricostruzione dell’accusa, l’uomo avrebbe agito con estrema crudeltà e premeditazione, armato di un’ascia con la quale ha colpito ripetutamente i suoceri, causandone la morte. La violenza dell’aggressione non si è fermata ai suoceri, ma ha coinvolto anche la moglie di Baule, Ilaria Saladdino, che è stata ridotta in fin di vita.

La pubblica accusa, nella figura della pm Enrica Angioni, ha richiesto l’aggravante della crudeltà, della premeditazione e di aver commesso il fatto alla presenza di minori, in quanto i due figli della coppia, di appena un anno di età, erano presenti durante l’aggressione. La richiesta della pm includeva anche la decadenza della patria potestà per l’imputato.

“La difesa nega la premeditazione: un incontro casuale”

La strategia difensiva adottata dall’avvocato Nicola Lucchi si è concentrata sull’esclusione della premeditazione. Secondo quanto dichiarato in aula dall’avvocato, infatti, Fulvio Baule non avrebbe visto i suoceri da almeno sei mesi e l’incontro con loro quella sera sarebbe stato del tutto casuale.

“Capace di intendere e di volere: la perizia psichiatrica”

La Corte ha disposto una perizia psichiatrica su Fulvio Baule per valutare la sua capacità di intendere e di volere al momento dei fatti e allo stato attuale. La perizia ha stabilito che l’imputato era e rimane pienamente capace di intendere e di volere, escludendo qualsiasi forma di vizio parziale o totale di mente.

“La sentenza: ergastolo per Fulvio Baule”

La Corte d’assise di Sassari, dopo aver valutato tutti gli elementi emersi durante il processo e le risultanze della perizia psichiatrica, ha emesso la sentenza di condanna all’ergastolo per Fulvio Baule. Un verdetto severo, ma che tiene conto della gravità dei fatti e delle aggravanti contestate.

La tragica vicenda di Porto Torres ha sconvolto l’intera comunità e lasciato ferite profonde. La condanna di Fulvio Baule all’ergastolo rappresenta un passo importante verso la giustizia, ma non può cancellare il dolore e la sofferenza causati dalle sue azioni. La comunità di Porto Torres e i familiari delle vittime potranno ora cercare di ricostruire le loro vite, consapevoli che la giustizia ha fatto il suo corso.

Copyright © 2023 Occhioche.it | Tutti i diritti riservati. Giornale Online di Notizie di KTP.agency | Email: info@ktp.agency | Questo blog non è una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 | CoverNews by AF themes.