“Extinction Rebellion trasforma il Po di Torino in un fiume verde”

22Extinction Rebellion Trasform

"Extinction Rebellion trasforma il Po di Torino in un fiume verde" - avvisatore.it

Azione di Extinction Rebellion a Torino per la Giornata Mondiale per la giustizia climatica

Circa una quindicina di attivisti del movimento Extinction Rebellion hanno organizzato un’azione simbolica a Torino in occasione della Giornata Mondiale per la giustizia climatica. Gli attivisti si sono radunati sulle rive del fiume Po, lungo i Murazzi, e hanno gettato una sostanza chiamata fluorescina, che ha colorato le acque del fiume di verde fluorescente. È importante sottolineare che si tratta di un colorante innocuo, comunemente usato come tracciante dai geologi.

Un messaggio visivo e un appello al governo

Durante l’azione, è stato srotolato un grande striscione dal ponte della Gran Madre con la scritta: “Il governo parla, la Terra affonda”. Inoltre, è stata ancorata una casetta di legno sul fiume, che rappresenta le conseguenze della crisi ecoclimatica. Questa casetta verrà portata a riva alla fine dell’azione. Matilde, portavoce piemontese di Extinction Rebellion, ha spiegato il motivo di questa mobilitazione: “Noi oggi siamo qui come in altre città italiane e del mondo perché è la giornata di mobilitazione per denunciare che alla Cop28 i governi stanno parlando senza agire e portando avanti posizioni negazioniste”. La Cop28 si riferisce alla conferenza delle Nazioni Unite contro i cambiamenti climatici attualmente in corso a Dubai.

La preoccupazione per l’inazione dei governi

Matilde ha anche espresso preoccupazione per l’assenza di azioni concrete da parte dei governi per affrontare la crisi climatica: “Ci servirebbe l’uscita dal fossile, ma alla fine di questa Cop28 non vedremo neanche una riduzione dell’utilizzo. E questo è preoccupante: siamo terrorizzati dagli effetti del cambiamento climatico sul nostro territorio, che provocano danni, morti e sfollati”.

Durante l’azione, gli agenti della Digos della polizia sono stati presenti sul posto per garantire la sicurezza. Nel frattempo, alcuni attivisti di Extinction Rebellion si sono posizionati sul ponte e hanno suonato degli strumenti musicali dal marciapiede. Nonostante l’azione, il traffico stradale è rimasto intenso, come in ogni sabato prenatalizio.

Questo gesto simbolico degli attivisti di Extinction Rebellion a Torino è un richiamo all’urgenza di agire per affrontare la crisi climatica e per chiedere ai governi di assumere un ruolo di leadership nella lotta contro i cambiamenti climatici. La Giornata Mondiale per la giustizia climatica è un’occasione per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza di proteggere il nostro pianeta e di adottare politiche e azioni concrete per mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici.