Fedez processato per calunnia al Codacons, udienza il 6 maggio

Fedez processato per calunnia al Codacons, udienza il 6 maggio - avvisatore.it

Slittata al 6 maggio l’udienza del procedimento contro Fedez per calunnia

L’udienza del procedimento legale che vede il rapper Fedez imputato per l’accusa di calunnia nei confronti del Codacons è stata posticipata al 6 maggio. La richiesta di posticipare l’udienza è stata avanzata dalla difesa di Fedez, che ha chiesto che l’artista venga sentito in quella data.

Le accuse mosse da Fedez contro il Codacons

Al centro della vicenda ci sono le accuse mosse da Fedez contro l’associazione dei consumatori riguardo a un presunto banner ingannevole pubblicato sul sito del Codacons nel 2020, in relazione al tema del coronavirus. Inizialmente, la Procura di Roma aveva chiesto l’archiviazione del caso, ma la richiesta è stata respinta dal tribunale, che ha deciso di imputare Fedez per l’accusa di calunnia.

La difesa di Fedez e il prosieguo del processo

La difesa di Fedez ha ottenuto il rinvio dell’udienza al 6 maggio per permettere all’artista di essere sentito. Sarà interessante vedere come si svilupperà il processo e quali saranno le argomentazioni della difesa di Fedez. Nel frattempo, il rapper continua a sostenere le sue accuse contro il Codacons, sostenendo di aver agito in buona fede nel denunciare il presunto banner ingannevole. Resta da vedere come si concluderà questa vicenda legale e quali saranno le conseguenze per entrambe le parti coinvolte.

La vicenda legale che vede Fedez imputato per calunnia nei confronti del Codacons si è arricchita di un nuovo capitolo con il rinvio dell’udienza al 6 maggio. Sarà interessante seguire lo sviluppo del processo e vedere come si concluderà questa controversia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *