Fermo amministrativo della nave umanitaria “Sea-Eye 4” a Reggio Calabria

Fermo Amministrativo Della Nav

Fermo amministrativo della nave umanitaria "Sea-Eye 4" a Reggio Calabria - Occhioche.it

Arrivo e sbarco dei migranti

La nave umanitaria tedesca “Sea-Eye 4” è giunta ieri al porto di Reggio Calabria trasportando a bordo 144 migranti salvati al largo della costa libica. Il prefetto Clara Vaccaro era presente durante l’attracco e lo sbarco dei primi migranti. Le autorità italiane hanno disposto il fermo amministrativo della nave dell’ong dopo aver esaminato la documentazione trasmessa alla capitaneria di porto, alla Questura e alla Guardia di Finanza di Reggio Calabria da parte del Comando generale della Guardia Costiera.

Soccorso in acque internazionali

Secondo fonti istituzionali, l’ong avrebbe prestato soccorso ai migranti in acque internazionali nonostante la presenza della guardia costiera libica desiderosa di intervenire. Il fermo amministrativo sarebbe stato emesso in base all’applicazione del decreto Piantedosi, in vigore dal gennaio 2023, per una durata minima di 20 giorni, con la possibilità di estenderlo fino a 2 mesi in caso di “pregresse recidive”. La prefetto Vaccaro dovrà prendere una decisione in merito alla conferma del fermo dopo aver esaminato il carteggio inviato dal Comando generale della Guardia Costiera. Solo successivamente l’ong tedesca potrà esporre la propria versione dei fatti relativi ai due interventi di soccorso effettuati nel Mediterraneo, che hanno permesso di salvare 140 migranti in pericolo di annegamento, tra cui 40 minori, di cui alcuni neonati.