Giulia Tramontano: La lotta della madre per la verità

Giulia Tramontano: La lotta della madre per la verità - avvisatore.it

Processo per l’omicidio di Giulia Tramontano: la lotta per la verità

Nel giorno della seconda udienza del processo a carico di Alessandro Impagnatiello, accusato di aver ucciso la fidanzata Giulia Tramontano e il loro bambino non ancora nato, la madre della vittima, Loredana, si rivolge a loro su Instagram: “Amore nostro, oggi si parlerà di te, di come siete stati strappati alla vita, di come con tutte le tue forze hai cercato la verità, a costo della vostra splendida vita”. La famiglia si impegna a lottare per ottenere giustizia: “Tu sarai sempre per noi la nostra immensamente Giulia e Thiago il nostro angelo. Lotteremo per te fino all’ultimo”, afferma Loredana. Anche il padre, Franco Tramontano, si unisce al dolore e alla determinazione della famiglia: “Nulla ci restituirà Giulia. Abbiamo gridato a voce alta, lo faremo ancora affinché sia fatta giustizia per lei e Thiago”.

Ricostruzione del drammatico omicidio

Durante l’udienza, un maresciallo dei carabinieri ricostruisce il tragico giorno dell’omicidio di Giulia Tramontano e i giorni successivi fino al ritrovamento del suo corpo senza vita. Attraverso foto e slide, vengono mostrate le bugie raccontate da Impagnatiello. L’accusato, presente in aula e a tratti commosso, è rinchiuso in una “gabbia” per assistere all’udienza.

La ricerca della verità continua

La famiglia di Giulia Tramontano non si arrende e continua a lottare per ottenere giustizia. La madre, Loredana, esprime il suo amore e la sua determinazione su Instagram, mentre il padre, Franco Tramontano, sottolinea che nulla potrà restituire loro la figlia, ma che continueranno a gridare per la verità. Nel corso dell’udienza, vengono presentate prove e testimonianze che cercano di far emergere la verità sull’omicidio di Giulia e del loro bambino non ancora nato. La famiglia si impegna a non dimenticare e a lottare fino all’ultimo per ottenere giustizia per Giulia e Thiago.

Fonte: ANSA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *