Lloyd Austin in terapia intensiva: il ministro Usa ricoverato nuovamente

Lloyd Austin in terapia intensiva: il ministro Usa ricoverato nuovamente - avvisatore.it

Il Segretario alla Difesa Lloyd Austin ricoverato in terapia intensiva per un problema alla vescica

Il Segretario alla Difesa Lloyd Austin è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva del Walter Reed National Military Medical Center in Virginia a causa di un problema alla vescica. Il Pentagono ha reso noto il ricovero, sottolineando che Austin ha trasferito temporaneamente i suoi compiti alla sua vice Kathleen Hicks. Non è ancora chiaro per quanto tempo rimarrà in ospedale.

Austin, un passato di cancro alla prostata e intervento chirurgico

Lo scorso dicembre, i medici hanno diagnosticato al ministro della Difesa americano un cancro alla prostata, che ha successivamente richiesto un intervento chirurgico. Il ricovero di Austin nel reparto di terapia intensiva è stato tenuto inizialmente nascosto anche al presidente Joe Biden, suscitando diverse polemiche negli Stati Uniti. Il 1 gennaio, Austin è stato nuovamente ricoverato in ospedale a causa di complicazioni.

Il Pentagono non fornisce ulteriori dettagli sul ricovero

Il Pentagono ha deciso di non fornire ulteriori dettagli sul ricovero di Austin, limitandosi a comunicare che si tratta di un problema alla vescica. Non è stato specificato se il ricovero sia direttamente correlato al cancro alla prostata o se si tratti di una complicazione indipendente. Al momento, Austin ha affidato i suoi compiti alla vice Hicks, ma non è stato specificato se si tratti di una delega temporanea o se Hicks assumerà il ruolo di Segretario alla Difesa in modo permanente durante il ricovero di Austin.

Il ricovero del Segretario alla Difesa Lloyd Austin nel reparto di terapia intensiva del Walter Reed National Military Medical Center per un problema alla vescica solleva preoccupazioni sulla sua salute e sulle implicazioni politiche. Restiamo in attesa di ulteriori aggiornamenti sul suo stato di salute e sulla durata del suo ricovero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *