Misseri, liberato dal carcere: “Mi sentivo più libero dentro”

Misseri, liberato dal carcere: "Mi sentivo più libero dentro" - avvisatore.it

Michele Misseri esce dal carcere dopo aver scontato la condanna per l’omicidio di Sarah Scazzi

Michele Misseri, il 69enne condannato per la soppressione del cadavere della nipote Sarah Scazzi, è stato rilasciato questa mattina dal carcere di Lecce. Dopo aver trascorso anni dietro le sbarre, Misseri ha finalmente ottenuto la libertà.

Un nuovo inizio per Michele Misseri

Nonostante la sua liberazione, Misseri si trova in uno stato emotivo molto provato. L’avvocato Luca La Tanza, che ha assistito Misseri durante il processo, ha dichiarato: “Misseri si sente più libero dentro, ma fuori si sente invece incarcerato“. Il 69enne ha espresso la volontà di prendersi qualche giorno di pausa e di non parlare con nessuno.

Il futuro di Michele Misseri

Misseri ha lasciato il carcere in compagnia di una persona di sua conoscenza, ma il suo avvocato non sa dove si sia diretto. Tuttavia, è stato chiarito che oggi non si recherà ad Avetrana, nella sua abitazione dove avvenne l’omicidio di Sarah. La Tanza ha concluso dicendo: “Sicuramente oggi non andrà, e forse neanche domani“.

In conclusione, Michele Misseri ha finalmente lasciato il carcere dopo aver scontato la sua pena per l’omicidio di Sarah Scazzi. Nonostante la sua libertà, Misseri si trova in uno stato emotivo molto provato e ha espresso la volontà di prendersi del tempo per sé. Il suo futuro rimane incerto, ma è chiaro che per il momento non tornerà nella sua abitazione ad Avetrana.