Richiesta di domiciliari per Salis entro fine mese

Richiesta Di Domiciliari Per S

Richiesta di domiciliari per Salis entro fine mese - avvisatore.it

Ilaria Salis: Richiesta di arresti domiciliari a Budapest entro fine mese

L’avvocato ungherese di Ilaria Salis ha annunciato che entro la fine del mese saranno completate le procedure necessarie per richiedere gli arresti domiciliari a Budapest per la giornalista italiana. Queste procedure includono il versamento di una cauzione di 20 milioni di fiorini ungheresi (circa 51 mila euro) e il reperimento di un domicilio sicuro e sorvegliato nella capitale ungherese.

Accelerazione del caso e nuova udienza il 28 marzo

Il legale ha confermato che il giudice ha accelerato il caso, anticipando la seconda udienza prevista per il 24 maggio. L’udienza del 28 marzo sarà utilizzata per insistere sulla richiesta di arresti domiciliari e si prevede che questa volta verrà accolta. L’avvocato Magyar ha sottolineato che l’assenso di Ilaria Salis a questa soluzione era imprescindibile, nonostante si fosse opposta in passato. Magyar si è detto molto contento che anche la famiglia e i legali italiani abbiano accettato di percorrere questa via dei domiciliari a Budapest, una soluzione che lui aveva sempre sostenuto.

Un passo avanti verso la libertà

La richiesta di arresti domiciliari rappresenta un passo avanti verso la libertà per Ilaria Salis. Dopo mesi di detenzione in Ungheria, la giornalista italiana potrebbe presto lasciare il carcere e trascorrere il resto del processo in un domicilio sicuro e sorvegliato. Questa decisione è stata accolta positivamente sia dalla difesa che dalla famiglia di Ilaria Salis, dimostrando un’apertura a una soluzione che potrebbe garantire una maggiore libertà di movimento e una migliore tutela dei suoi diritti. Ora si attende con ansia l’udienza del 28 marzo, nella speranza che la richiesta di arresti domiciliari venga finalmente accolta.