Sanremo 2024: Discografici lodano il “Modello Amadeus” come vincente

Sanremo 2024: Discografici lodano il "Modello Amadeus" come vincente - avvisatore.it

Il successo del Festival di Sanremo: un bilancio positivo e la sfida della continuità

Il quinto festival di Amadeus ha ottenuto un grande successo, sia dal punto di vista del pubblico che dei numeri. Secondo Enzo Mazza, Ceo di Fimi, la Federazione dell’industria musicale italiana, il festival ha confermato la linea artistica di Amadeus, che ha puntato su artisti giovani e vicini al mercato. Mazza sottolinea che non si può tornare indietro da questo modello di festival, che ha attratto un pubblico nuovo e ha avuto un grande impatto anche sui canali digitali.

Le case discografiche hanno portato al festival artisti che hanno un forte rapporto con il pubblico e che vivono di streaming e di interazione sui social media. Questo ha attirato un pubblico giovane e ha portato a un cambiamento nella modalità di voto. Mazza afferma che nonostante le discussioni sul sistema di voto, ciò che conta è il successo che gli artisti hanno dopo il festival, come ad esempio diventare il disco più venduto dell’anno o avere successo sulle piattaforme digitali.

La sfida della continuità e la scelta del prossimo direttore artistico

Dopo il successo del festival, si pone il problema della continuità e della scelta del prossimo direttore artistico. Mazza sottolinea che bisogna valutare e mantenere il modello del festival di Amadeus, che ha dato centralità alla musica e agli artisti protagonisti del mercato musicale. Il Ceo di Fimi non fa nomi riguardo a un possibile candidato per il prossimo anno, ma afferma che è necessario affrontare il rapporto con l’industria per le nuove scelte artistiche e costruire un evento che mantenga questa centralità.

Il pubblico del festival: più giovane, più social e vota

Il pubblico del festival è cambiato nel corso degli anni: è diventato più giovane, più social e partecipa attivamente al voto. Questo ha creato un cortocircuito nella modalità di voto, come nel caso di Geolier che è arrivato al secondo posto nonostante il 60% dei voti del televoto. Mazza afferma che non c’è stato festival senza discussioni sul voto, ma ciò che conta è il successo che gli artisti hanno dopo il festival. Anche se non si vince il festival, si può comunque diventare il disco più venduto dell’anno o avere successo sulle piattaforme digitali.

Mazza sottolinea che negli ultimi anni gli artisti in gara al festival sono stati quelli che hanno venduto di più, il che dimostra l’importanza del festival per il mercato musicale. I numeri dei dischi di platino legati ai pezzi che passano al festival parlano chiaro: nel 2020 sono stati assegnati 16 platini, nel 2021 sono stati 28, nel 2022 sono stati 40 e nel 2023 sono stati 37. Mazza è convinto che anche quest’anno si riconfermerà il trend positivo, con canzoni che dureranno tutto l’anno.

In conclusione, il festival di Sanremo ha ottenuto un grande successo grazie alla scelta di artisti giovani e vicini al mercato. Tuttavia, si pone la sfida della continuità e della scelta del prossimo direttore artistico. Il pubblico del festival è diventato più giovane, più social e partecipa attivamente al voto. Nonostante le discussioni sul sistema di voto, ciò che conta è il successo che gli artisti hanno dopo il festival. I numeri dei dischi di platino legati ai pezzi che passano al festival dimostrano l’importanza dell’evento per il mercato musicale.