Sequestrate quote società legata Verona per bancarotta

Sequestrate Quote Societa Lega

Sequestrate quote società legata Verona per bancarotta - avvisatore.it

Sequestro preventivo sulla partecipazione azionaria del Verona Calcio

La Guardia di Finanza di Bologna ha eseguito un sequestro preventivo sulla partecipazione azionaria di una società a responsabilità limitata (srl) all’interno del Verona Calcio. Il provvedimento è stato emesso dal Gip ed è legato a un’indagine per bancarotta che coinvolge l’imprenditore Maurizio Setti, proprietario del club, e un’altra persona. La Finanza ha spiegato che il sequestro è stato eseguito in seguito al fallimento di una società per azioni che era in possesso di una significativa quota azionaria nel Verona Calcio.

Il Verona Calcio fa chiarezza sulla vicenda

Il Verona Calcio ha voluto fare chiarezza sulla situazione attraverso un comunicato pubblicato sul proprio sito web. Secondo il club, il sequestro non riguarda il patrimonio della società Hellas Verona Fc Spa e non avrà impatti diretti sulle attività del club. Il comunicato afferma che il sequestro è parte di una controversia legale tra il Gruppo societario di Maurizio Setti e il Gruppo societario di Gabriele Volpi, e viene considerato come un’ennesima schermaglia giudiziale tra le due parti.

Un’indagine in corso

Al momento, l’indagine sulla presunta bancarotta è ancora in corso e non sono state fornite ulteriori informazioni sulle accuse specifiche rivolte a Maurizio Setti e all’altra persona coinvolta. Sarà compito delle autorità competenti stabilire se ci sono prove sufficienti per procedere con un processo. Nel frattempo, il Verona Calcio continuerà le proprie attività senza subire impatti diretti dal sequestro preventivo sulla partecipazione azionaria.

La vicenda del sequestro preventivo sulla partecipazione azionaria del Verona Calcio ha sollevato interrogativi sulla situazione finanziaria del club e sulle implicazioni per il futuro. Tuttavia, il club ha chiarito che il sequestro non riguarda direttamente il patrimonio della società e che continuerà a operare come al solito. Resta da vedere come si evolverà l’indagine sulla presunta bancarotta e quali saranno le conseguenze per le persone coinvolte.