Ugo Intini: Addio al giornalista politico appassionato

Ugo Intini: Addio al giornalista politico appassionato - avvisatore.it

Ugo Intini: il giornalista milanese che ha fatto la storia della politica italiana

È scomparso a Milano, la sua città natale, Ugo Intini, giornalista e politico di lungo corso. Aveva 82 anni ed era stato ricoverato per diverse settimane all’ospedale San Raffaele. Intini è stato un esponente di spicco del Partito Socialista Italiano e uno stretto collaboratore di Bettino Craxi. In seguito, è diventato dirigente nazionale dei Socialisti Democratici Italiani, che poi si sono fusi con il rinato Partito Socialista Italiano nel 2007.

Un percorso tra giornalismo e politica

Laureato in giurisprudenza, Ugo Intini ha lasciato un segno anche nel campo del giornalismo. È stato direttore dell’Avanti! e de Il Lavoro di Genova. Grazie alla sua stretta collaborazione con Craxi, ha assunto l’incarico di responsabile per l’informazione e portavoce del Partito Socialista Italiano, rappresentandolo anche nell’Internazionale Socialista. Ha ricoperto il ruolo di deputato per diverse legislature, dal 1983 al 1994, e nonostante lo scoppio dell’inchiesta Mani Pulite, ha continuato a militare nel Psi. Durante quegli anni difficili, segnati da Tangentopoli, è stato oggetto della satira tagliente di Corrado Guzzanti. Ha fatto parte del governo Amato II come sottosegretario agli Esteri dal 2000 al 2001 e del governo Prodi II come viceministro agli Affari Esteri dal 2006 al 2008.

Un protagonista della scena politica italiana

Nel 1994, Ugo Intini è stato uno degli organizzatori della “Federazione dei Socialisti”, che in seguito è diventata il “Movimento Liberal Socialista”. Due anni dopo, insieme al Partito Socialista Riformista di Fabrizio Cicchitto ed Enrico Manca, ha fondato il Partito Socialista, di cui è stato segretario. Successivamente, ha partecipato alla creazione dei Socialisti Democratici Italiani insieme ad Enrico Boselli nel 1998, venendo rieletto deputato alla Camera alle elezioni politiche del 2001. Nel 2005, è tornato sulla scena politica come uno dei promotori del nuovo progetto radical-socialista de “La Rosa nel Pugno”, insieme a Marco Panella ed Emma Bonino. Nel 2007, ha aderito al rinato Partito Socialista Italiano.

Ugo Intini ha lasciato un segno indelebile nella politica italiana, contribuendo alla storia del Partito Socialista e partecipando a importanti governi. La sua passione per il giornalismo e la politica lo ha reso una figura di rilievo, sempre al centro dell’attenzione. La sua scomparsa rappresenta una perdita per il panorama politico italiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *