Un imprenditore legato alla mafia: la storia di Giovanni Palazzolo

Un Imprenditore Legato Alla Ma

Un imprenditore legato alla mafia: la storia di Giovanni Palazzolo - Occhioche.it

Indagini su Giovanni Palazzolo

La Direzione Investigativa Antimafia, su richiesta della Dda guidata dal procuratore Maurizio de Lucia, ha eseguito la misura della custodia in carcere nei confronti di Giovanni Palazzolo, un imprenditore 68enne ritenuto organico alla famiglia mafiosa di Carini che fa parte del mandamento di San Lorenzo – Tommaso Natale.

Operazioni dell’indagine “Nemesi”

L’indagine, denominata “Nemesi”, durata circa due anni, ha consentito di acquisire, a carico dell’imprenditore che opera nei settori dell’edilizia, della logistica e della ristorazione, gravi indizi di colpevolezza. L’indagato, accusato tra l’altro di associazione mafiosa e riciclaggio, avrebbe partecipato a riunioni strategiche del clan, avrebbe assicurato assistenza al capo mafia allora latitante Salvatore Lo Piccolo, riscosso il denaro frutto delle attività estorsive, reimpiegandolo e riciclandolo, e garantito continui e costanti contatti occulti con l’amministrazione e gli uffici comunale di Carini.

Coinvolgimento di collaboratori di giustizia e un luogotenente della Guardia di Finanza

A carico di Palazzolo le dichiarazioni di collaboratori di giustizia già in passato ritenuti importanti esponenti della famiglia mafiosa di Carini. Nell’inchiesta spunta anche un luogotenente della Guardia di Finanza. Il sottufficiale è accusato per rivelazione di segreti d’ufficio. Avrebbe rivelato a Palazzolo l’esistenza di un procedimento aperto sulla sua impresa, la Trinacria Immobiliare, a seguito di una richiesta di informazioni avanzata dalle Fiamme di Modena.