Uomo ucciso con colpo di pistola nel Tarantino

Uomo Ucciso Con Colpo Di Pisto

Uomo ucciso con colpo di pistola nel Tarantino - avvisatore.it

Omicidio a San Marzano di San Giuseppe: uomo di 60 anni ucciso a colpi di pistola

Ieri sera si è verificato un tragico omicidio a San Marzano di San Giuseppe, in provincia di Taranto. La vittima è Antonio D’Angela, un uomo di 60 anni conosciuto dalle forze dell’ordine. Secondo le prime informazioni, D’Angela si trovava in compagnia del figlio in una zona rurale quando si è allontanato dirigendosi verso il bordo della strada. Qui è stato avvicinato da un individuo, forse a bordo di un veicolo, che gli ha sparato da vicino con una pistola, colpendolo gravemente alla gamba. Nonostante sia stato trasportato d’urgenza all’ospedale di Manduria, il 60enne è morto a causa di una grave emorragia.

I medici del pronto soccorso hanno immediatamente tentato di salvare la vita di D’Angela, ma purtroppo i loro sforzi sono stati vani. Le indagini sono state avviate dai carabinieri al fine di identificare il responsabile e stabilire il movente di questo tragico omicidio. Si è appreso che un parente ha accompagnato la vittima in ospedale ed è stato interrogato dagli inquirenti. Nel frattempo, la salma di D’Angela è stata posta sotto sequestro nell’obitorio del nosocomio, in attesa di essere sottoposta ad autopsia su disposizione del pm di turno.

Indagini in corso per identificare il responsabile

Le autorità competenti hanno avviato un’indagine approfondita per identificare il responsabile di questo brutale omicidio. I carabinieri stanno raccogliendo tutte le prove disponibili e interrogando testimoni oculari al fine di ricostruire l’accaduto nel dettaglio. Al momento, non sono state fornite informazioni sulla possibile motivazione di questo tragico evento. Tuttavia, le forze dell’ordine stanno lavorando instancabilmente per fare luce su questa vicenda e portare il colpevole di fronte alla giustizia.

La salma di Antonio D’Angela sotto sequestro in attesa dell’autopsia

La salma di Antonio D’Angela è stata posta sotto sequestro nell’obitorio dell’ospedale di Manduria. Questa misura è stata presa su disposizione del pm di turno al fine di consentire lo svolgimento dell’autopsia. Attraverso l’autopsia, gli esperti medici potranno determinare con precisione la causa della morte di D’Angela e raccogliere ulteriori prove utili per l’indagine in corso. Nel frattempo, le autorità continuano a lavorare per fare luce su questo tragico omicidio e portare i responsabili di fronte alla giustizia.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA