“Vicina di casa terrorizzata: Barreca, sospettato nella strage di Palermo, ossessionato dal Diavolo”

"Vicina di casa terrorizzata: Barreca, sospettato nella strage di Palermo, ossessionato dal Diavolo" - avvisatore.it

Un uomo accusato di aver sterminato la sua famiglia ad Altavilla Milicia

Un terribile omicidio ha scosso la tranquilla cittadina di Altavilla Milicia, vicino a Palermo. Giovanni Barreca, un uomo di 54 anni, è stato accusato di aver ucciso la sua famiglia. Secondo la testimonianza di una vicina di casa, Barreca era noto per essere violento nei confronti della moglie e per il suo interesse per il Diavolo.

La vicina di casa, Pascal Ballof, ha rivelato che la moglie di Barreca, Antonella Salamone, parlava spesso di voler lasciare il marito e tornare a vivere nella loro città natale, Novara. Tuttavia, non ha mai denunciato le violenze subite. Ballof ha dichiarato: “Non so se picchiava anche i figli. Mi diceva che voleva tornare a vivere a Novara, dove vivevano prima. Io le dissi ‘Perché non lo denunci?’ ma lei non lo denunciò mai“.

La vicina di casa ha anche descritto i figli della coppia come emaciati e trascurati. I ragazzi andavano a scuola senza libri e sembravano più piccoli della loro età. La figlia maggiore era molto timida, mentre il figlio più piccolo veniva spesso rimproverato. Ballof ha rivelato che il padre aveva insegnato al figlio maggiore a uccidere e imbalsamare gli uccelli. Sorprendentemente, la figlia sopravvissuta alla tragedia, una ragazza di 17 anni, era considerata la preferita del padre.

Secondo la testimonianza della vicina di casa, Barreca era un uomo inquietante che parlava spesso del Diavolo. Ballof ha detto: “Giovanni Barreca mi faceva paura, lo temevo. Era molto strano, lui parlava sempre del Diavolo. Diceva sempre che non esiste Dio e mi spegneva la luce della statua della Madonnina che tenevo in giardino“. Inoltre, la donna ha riferito che a volte si vedevano persone sconosciute entrare nella casa di Barreca e cantare.

L’omicidio di questa famiglia ha scosso profondamente la comunità di Altavilla Milicia. Le indagini sono ancora in corso per determinare i motivi che hanno portato a questa tragedia. La testimonianza della vicina di casa potrebbe essere fondamentale per far luce su questa terribile vicenda. La violenza domestica è un problema serio che non può essere ignorato, e questo caso tragico ne è un triste esempio.

La storia di Giovanni Barreca e della sua famiglia è un monito per tutti noi sull’importanza di prestare attenzione ai segnali di violenza domestica e di intervenire tempestivamente per proteggere le vittime. Nessuno dovrebbe vivere con paura e nessuno dovrebbe essere costretto a subire abusi. È fondamentale che le vittime di violenza domestica trovino il coraggio di denunciare e che la società sia pronta ad ascoltare e offrire supporto. Solo così possiamo sperare di prevenire tragedie come questa in futuro.