Clizia de Rossi denuncia abusi nella caserma del Generale Vannacci

Clizia De Rossi Denuncia Abusi

Clizia de Rossi denuncia abusi nella caserma del Generale Vannacci - Occhioche.it

La rivelazione scioccante di Clizia de Rossi

Clizia de Rossi, donna transessuale, attivista e esperta dantista, ha aperto il sipario su un’oscura verità riguardante il Generale Vannacci. La sua voce si è levata contro gli “amori transessuali” citati dal Generale, rivelando una realtà ben più cruda di quanto si potesse immaginare. Ex fidanzata di un collega del Generale, Clizia ha svelato dettagli agghiaccianti sulle pratiche estreme presenti nella caserma, affermando che ai nuovi reclute veniva imposta una pratica inaccettabile e degradante.

Un contesto di abusi e sfruttamento

Le parole di Clizia svelano un mondo oscuro e inquietante di abusi e sfruttamento di giovani reclute all’interno della brigata del Generale Vannacci. La pratica di “iniziare” le nuove leve obbligandole ad avere rapporti sessuali con ragazze trans sfruttate fa emergere un’immagine di degrado e manipolazione che scuote profondamente. In un contesto dove il potere e l’autorità dovrebbero essere simboli di protezione e giustizia, emergono invece dinamiche perverse e immoralità che mettono in discussione l’etica e la moralità delle istituzioni militari.

La doppia vita dei soldati della Folgore

La testimonianza di Clizia getta luce su una realtà nascosta della vita notturna dei soldati della Folgore, nota per la sua attività frenetica e trasgressiva nella Versilia. Lontano dagli sguardi della giornata, i soldati si immergono in una dimensione di libertà e trasgressione, frequentando locali notturni gay-friendly alla ricerca di un’evasione dai rigidi confini della vita militare. La doppia vita dei soldati della Folgore mette in luce un’ombra di ipocrisia e segreti ben custoditi, svelando un lato inedito e sorprendente di una realtà solitamente celata al grande pubblico.