Condanna per Tortura nel Carcere di Bari: Giustizia per i Diritti Violati

Condanna Per Tortura Nel Carce

Condanna per Tortura nel Carcere di Bari: Giustizia per i Diritti Violati - Occhioche.it

Il Tribunale di Bari ha emesso una storica sentenza riguardante un caso di tortura perpetrata ai danni di un detenuto affetto da problemi psichiatrici, avvenuta all’interno del carcere cittadino. Il fatto risale alla notte del 27 aprile 2022, quando l’uomo, un 42enne, fu vittima di un brutale pestaggio da parte di cinque agenti della polizia penitenziaria, in risposta all’incendio di un materasso nella sua cella.

Sentenze e Conseguenze: Gli Esiti del Processo

In seguito al processo emerso, i cinque agenti coinvolti sono stati condannati a pene che variano tra i 3 anni e 4 mesi e i cinque anni di reclusione. Altri sei imputati sono stati giudicati colpevoli di reati quali falso in atto pubblico, rifiuto d’atti d’ufficio, abuso d’ufficio e omessa denuncia, ricevendo pene che vanno dagli 80 euro di multa ai 13 mesi di reclusione.

Gli Attori Principali delle Aggressioni

Tra gli agenti condannati, spicca la pena di cinque anni inflitta a Giacomo Delia, mentre Raffaele Finestrone è stato condannato a 4 anni e sei mesi, Giovanni Spinelli a 3 anni e 6 mesi, Antonio Rosati a 3 anni e 5 mesi, e Francesco Ventafridda a 3 anni e 4 mesi. Allo stesso tempo, il sovrintendente Vito Sante Orlando è stato condannato a 13 mesi, Michele De Lido a 11 mesi, Leonardo Ginefra e Francesco Valenziano a 6 mesi ciascuno. Due infermieri, invece, hanno ricevuto una multa di 80 euro per omessa denuncia, con la condanna sospesa.

La Sequela di Violenze e Abusi Rivela Crudeltà

Secondo le accuse, sei tra gli agenti coinvolti nei maltrattamenti hanno compiuto atti di tortura lungo il tragitto dalla cella all’infermeria, dove hanno brutalmente aggredito il detenuto con calci, pugni e schiaffi su varie parti del corpo. Il sovrintendente Domenico Coppi, già condannato in precedenza per reati simili, è stato coinvolto, così come il medico dell’infermeria Gianluca Palumbo, condannato a un anno e due mesi per omessa denuncia.

Quinto Agente Assolto: Le Sfumature del Verdetto

In un colpo di scena, l’agente Roberto Macchia è stato assolto dall’accusa di rifiuto d’atti d’ufficio, poiché il suo comportamento non è stato considerato penalmente rilevante.

Questo tragico evento, culminato con una sentenza che ha portato alla luce comportamenti disumani all’interno del sistema carcerario, sottolinea l’importanza di garantire il rispetto dei diritti umani anche di coloro che hanno commesso reati. La giustizia che è stata ottenuta in questo caso, dimostra che nessuno è al di sopra della legge, e che gli abusi di potere non possono e non devono essere tollerati.