Delibera sul fine vita in Emilia-Romagna: ricorso al Tar

Delibera sul fine vita in Emilia-Romagna: ricorso al Tar - avvisatore.it

Scoppia il caso in Emilia-Romagna per la delibera sulla fine vita

La Regione Emilia-Romagna è al centro di un acceso dibattito a seguito della delibera che ha istituito un comitato etico e fornito linee guida sul suicidio medicalmente assistito. Questa decisione ha sollevato molte polemiche e ha portato all’annuncio di un ricorso da parte di Forza Italia al Tar. La delibera, che è stata annunciata venerdì sera, sembra bypassare il voto in aula e garantire il suicidio assistito entro 42 giorni.

Le opposizioni si oppongono alla delibera

Le opposizioni politiche non sono d’accordo con la decisione presa dalla Regione Emilia-Romagna e stanno cercando di contrastarla. Forza Italia ha già annunciato l’intenzione di presentare un ricorso al Tar per bloccare l’attuazione della delibera. Secondo alcuni quotidiani nazionali e la stampa locale, il partito sta preparando il terreno per questa azione legale.

La delibera si basa sulla sentenza della Corte costituzionale

La delibera della Regione Emilia-Romagna si basa sulla sentenza 242 del 2019 della Corte costituzionale, che ha stabilito il diritto al suicidio medicalmente assistito. Con l’istituzione di un comitato etico composto da medici e giuristi e l’emanazione di linee guida per le aziende sanitarie, la Regione ha recepito questa sentenza senza passare attraverso l’approvazione dell’aula. Questa mossa ha sollevato molte critiche e ha portato a una forte reazione da parte delle opposizioni.

Come si può vedere, la delibera della Regione Emilia-Romagna sulla fine vita ha scatenato un acceso dibattito e ha portato alle proteste delle opposizioni politiche. Il ricorso presentato da Forza Italia al Tar potrebbe portare a un’ulteriore battaglia legale su questo tema controverso. Sarà interessante vedere come si svilupperanno gli eventi e quali saranno le conseguenze di questa decisione.