Esami autoptici confermano la riesumazione della salma di Liliana Resinovich

Esami autoptici confermano la riesumazione della salma di Liliana Resinovich - avvisatore.it

Riesumazione del cadavere di Liliana Resinovich: conclusione delle operazioni al cimitero di Sant’Anna di Trieste

Le operazioni di riesumazione del cadavere di Liliana Resinovich, iniziate stamani al cimitero di Sant’Anna di Trieste, si sono concluse poco prima delle 10. Un momento particolarmente delicato è stato quando è stata calata una lunga scala nella fossa, seguita dall’azione di quattro addetti, vestiti con tute bianche, che hanno riportato in superficie la bara utilizzando un sistema apposito. Questa fase si è conclusa verso le 9.35. Successivamente, il feretro è stato inserito in un contenitore di metallo e caricato a bordo di un furgone delle onoranze funebri.

Ulteriori esami autoptici a Milano per il cadavere di Liliana Resinovich

Il cadavere di Liliana Resinovich sarà sottoposto a ulteriori esami autoptici a Milano, come disposto dalla magistratura. Durante le operazioni di riesumazione, il marito della donna, Sebastiano Visintin, era presente a pochi metri di distanza, mentre l’amico di Liliana, Claudio Sterpin, ha preferito seguire da lontano, defilato rispetto al luogo della riesumazione. Visintin ha sostenuto la tesi del suicidio, mentre Sterpin ha escluso questa possibilità. La polizia e la polizia scientifica hanno assistito alle operazioni.

Conclusioni

Le operazioni di riesumazione del cadavere di Liliana Resinovich al cimitero di Sant’Anna di Trieste si sono concluse con successo. Il feretro è stato trasferito in un contenitore di metallo e caricato su un furgone delle onoranze funebri. Il cadavere sarà sottoposto a ulteriori esami autoptici a Milano, come richiesto dalla magistratura. Durante le operazioni, il marito della donna, Sebastiano Visintin, ha sostenuto la tesi del suicidio, mentre l’amico di Liliana, Claudio Sterpin, ha escluso questa possibilità. La polizia e la polizia scientifica hanno assistito alle operazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *