Giornata Europea sull’abuso degli antibiotici: Impatto dei farmaci sulle persone e i fatti

Giornata Europea Sullabuso De 1

L’abuso di antibiotici in Italia: un problema persistente

In Italia, l’abuso di antibiotici è diventato una cattiva abitudine che persiste da diversi anni. Secondo l’AIFA, l’Agenzia Italiana del Farmaco, nonostante una diminuzione nell’uso di questi farmaci nel 2021 rispetto all’anno precedente, l’Italia continua ad avere uno dei tassi più elevati di utilizzo di antibiotici in Europa. Questo abuso si riscontra principalmente nella fascia di età degli over 85 e nei bambini tra i 2 e i 6 anni. Il rischio di tale abuso è che i farmaci non siano più efficaci nel combattere le infezioni, poiché i virus sviluppano una maggiore resistenza. Per sensibilizzare sull’importanza dell’uso consapevole degli antibiotici, il 18 novembre viene celebrata la Giornata Europea sull’Uso Consapevole degli Antibiotici.

L’importanza della Giornata Europea sull’Uso Consapevole degli Antibiotici

La Giornata Europea sull’Uso Consapevole degli Antibiotici, promossa da organizzazioni come l’OMS e la FAO, è parte di una settimana dedicata a sensibilizzare l’opinione pubblica sull’abuso di antibiotici a livello mondiale. L’Italia si trova tra i paesi che prescrivono antibiotici in modo eccessivo, anche quando non sono necessari. Secondo il Professor Andrea Nacci, specialista in Otorinolaringoiatria e referente scientifico per Schwabe Pharma Italia, nel 2021 circa il 30% della popolazione italiana ha ricevuto almeno una prescrizione di antibiotici, percentuale che aumenta con l’avanzare dell’età. Nei bambini, circa il 40% dei bambini tra i 2 e i 5 anni ha ricevuto almeno una prescrizione di antibiotici nell’anno. Nonostante una diminuzione del 3,3% nell’uso di antibiotici in Italia nel 2021 rispetto al 2020, il tasso di utilizzo rimane ancora elevato rispetto agli standard europei. L’abuso di antibiotici può portare allo sviluppo di resistenze batteriche, soprattutto per i farmaci ad ampio spettro.

Le conseguenze dell’abuso di antibiotici e le alternative naturali

L’uso eccessivo di antibiotici ha portato a un aumento delle resistenze batteriche, che si aggirano tra il 30% e il 50% per alcuni farmaci. Ciò è dovuto a due errori comuni: la prescrizione di dosi inferiori a quelle necessarie e l’utilizzo di antibiotici anche quando non sono necessari, ad esempio per infezioni delle vie respiratorie causate da virus. Questo problema ha conseguenze non solo per la salute, ma anche dal punto di vista economico, poiché l’abuso di antibiotici può portare a un aumento delle infezioni ospedaliere e delle relative spese mediche. È importante sensibilizzare sull’importanza di utilizzare gli antibiotici solo quando necessario, per evitare lo sviluppo di resistenze batteriche. Inoltre, esistono alternative naturali agli antibiotici, come il Pelargonium Sidoides, un estratto vegetale che può essere efficace nelle prime fasi delle infezioni delle vie respiratorie. Questo farmaco agisce impedendo l’ancoraggio del virus alle cellule e potenziando il sistema immunitario, riducendo così il rischio di complicazioni gravi e la necessità di prescrivere antibiotici.