Il Fronte dei trattori si divide, dibattito pro e contro il governo: Calvani annuncia grande manifestazione al Circo Massimo giovedì

Il Fronte dei trattori si divide, dibattito pro e contro il governo: Calvani annuncia grande manifestazione al Circo Massimo giovedì - avvisatore.it

Gli agricoltori casertani lasciano il presidio di Santa Maria Capua Vetere

Gli agricoltori casertani hanno deciso di lasciare il presidio che avevano organizzato a Santa Maria Capua Vetere, vicino al casello autostradale dell’A1. Con i loro trattori, hanno iniziato una lenta marcia verso la località di Borgo Centore nel comune di Cancello e Arnone, non lontano dal fiume Garigliano e dal confine con il Lazio. Qui si riuniranno per organizzare il percorso che li porterà a Roma, dove il 15 febbraio terranno una manifestazione. Questi agricoltori hanno aderito alla mobilitazione promossa dall’associazione Altragricoltura e da altre realtà associative, come il Movimento “Salviamo le Bufale”, che da due anni denunciano i fallimenti della politica nella lotta all’eradicazione della brucellosi, una malattia che colpisce i capi bufalini e che è diffusa soprattutto nel Casertano. Durante la marcia, gli agricoltori hanno ricevuto solidarietà e sostegno da parte di altre persone. A Santa Maria la Fossa, ad esempio, alcuni hanno offerto un aperitivo ai manifestanti.

Gli agricoltori casertani si preparano per la manifestazione a Roma

Dopo aver lasciato il presidio di Santa Maria Capua Vetere, gli agricoltori casertani si stanno preparando per la manifestazione che si terrà a Roma il 15 febbraio. Durante la marcia verso la località di Borgo Centore nel comune di Cancello e Arnone, i manifestanti hanno ricevuto solidarietà da parte di altre categorie professionali, come balneari, pescatori e ristoratori, che si uniranno a loro nella protesta. L’obiettivo di questa mobilitazione è quello di denunciare i fallimenti della politica nella lotta all’eradicazione della brucellosi, una malattia che colpisce i capi bufalini e che è diffusa soprattutto nel Casertano. L’associazione Altragricoltura e il Movimento “Salviamo le Bufale” sono tra le realtà associative che hanno promosso questa iniziativa. Durante la marcia, gli agricoltori hanno ricevuto sostegno e solidarietà da parte di altre persone, come dimostrato dall’offerta di un aperitivo a Santa Maria la Fossa.

La mobilitazione degli agricoltori casertani riceve sostegno

La mobilitazione degli agricoltori casertani ha ricevuto sostegno da parte di altre persone e categorie professionali. Durante la marcia verso Borgo Centore nel comune di Cancello e Arnone, gli agricoltori hanno ricevuto solidarietà da parte di balneari, pescatori e ristoratori, che si uniranno a loro nella manifestazione che si terrà a Roma il 15 febbraio. Questa mobilitazione è stata promossa dall’associazione Altragricoltura e dal Movimento “Salviamo le Bufale”, che da due anni denunciano i fallimenti della politica nella lotta all’eradicazione della brucellosi, una malattia che colpisce i capi bufalini nel Casertano. Durante la marcia, gli agricoltori hanno ricevuto sostegno anche da parte di altre persone, come dimostrato dall’offerta di un aperitivo a Santa Maria la Fossa.