Israele chiede licenziamento Onu relatrice Francesca Albanese: svelati gli eventi

Israele chiede licenziamento Onu relatrice Francesca Albanese: svelati gli eventi - avvisatore.it

Il ministro degli Esteri israeliano chiede il licenziamento della relatrice Onu

Il ministro degli Esteri israeliano, Israel Katz, ha sollecitato il segretario generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, a licenziare “immediatamente” la relatrice dell’Onu sulle violazioni del diritto internazionale nei Territori palestinesi, Francesca Albanese. La richiesta è stata avanzata a seguito di un post su X in cui Albanese ha commentato le parole del presidente francese, Emmanuel Macron, che ha definito il 7 ottobre come “il più grande massacro antisemita del nostro secolo”.

La risposta della relatrice Onu e del ministero degli Esteri francese

In risposta alle accuse, Francesca Albanese ha ribadito la sua posizione, affermando: “Il più grande massacro antisemita del nostro secolo? No, signor Emmanuel Macron. Le vittime del 7/10 non sono state uccise a causa del loro ebraismo, ma in risposta all’oppressione di Israele. La Francia e la comunità internazionale non hanno fatto nulla per impedirlo. I miei rispetti alle vittime”.

Il ministero degli Esteri francese ha replicato alla relatrice Onu, sottolineando che il 7 ottobre è stato effettivamente “il più grande massacro antisemita del 21esimo secolo” e definire diversamente la situazione è un errore. Secondo il Quai d’Orsay, “questi commenti sono tanto più scandalosi dato che la lotta contro l’antisemitismo e tutte le forme di razzismo è al centro della fondazione dell’Onu”.

La richiesta di licenziamento e la risposta di Francesca Albanese

Il ministro Israel Katz ha rafforzato la sua posizione, affermando che “inquadrare il massacro del 7 ottobre come una reazione all’oppressione israeliana piuttosto che come un atto di odio antiebraico è profondamente preoccupante”. Ha quindi invitato Antonio Guterres a licenziare Francesca Albanese “immediatamente”.

La relatrice Onu, tuttavia, ha ribadito la sua posizione, dichiarando: “Sono delusa dal fatto che alcuni abbiano letto il mio tweet come una ‘giustificazione’ dei crimini di Hamas del 7/10, che ho più volte condannato fermamente. Io rifiuto tutto il razzismo, compreso l’antisemitismo, una minaccia globale. Ma spiegare questi crimini come antisemitismo ne oscura la vera causa”.

In conclusione, la richiesta di licenziamento della relatrice Onu da parte del ministro degli Esteri israeliano ha sollevato una controversia sulle interpretazioni del massacro del 7 ottobre e sulle cause che lo hanno scatenato. Mentre il ministero degli Esteri francese sostiene che si tratti di un atto di odio antisemita, Francesca Albanese sostiene che sia una reazione all’oppressione israeliana. La questione rimane aperta e continua a suscitare dibattito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *