Mafia: 29 arresti nel Nisseno per ordinanze cautelari

Mafia 29 Arresti Nel Nisseno Mafia 29 Arresti Nel Nisseno
Mafia: 29 arresti nel Nisseno per ordinanze cautelari - avvisatore.it

Ultimo aggiornamento il 21 Dicembre 2023 by Redazione

Operazione antimafia a Niscemi: 29 persone in custodia cautelare

I Carabinieri stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 29 persone accusate di appartenere alla famiglia mafiosa di Niscemi. L’operazione è coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta. Gli indagati sono accusati di reati contro la persona e contro il patrimonio, nonché di detenzione di armi da sparo.

Durante le indagini preliminari è emerso anche il tentativo di omicidio di un imprenditore che anni prima aveva denunciato un tentativo di estorsione. Fortunatamente, grazie al monitoraggio da parte dei carabinieri coordinati dalla Dda, l’omicidio è stato evitato. Questo dimostra l’importanza delle attività investigative e di prevenzione svolte dalle forze dell’ordine per contrastare la criminalità organizzata.

Conferenza stampa per i dettagli dell’operazione

Alle 11 è prevista una conferenza stampa nel Comando provinciale dei Carabinieri a Caltanissetta, durante la quale saranno forniti ulteriori dettagli sull’operazione antimafia. Sarà un’occasione per approfondire le accuse mosse ai 29 indagati e per comprendere meglio il ruolo che la famiglia mafiosa di Niscemi avrebbe svolto nel territorio.

Le autorità competenti stanno lavorando duramente per contrastare la criminalità organizzata e garantire la sicurezza dei cittadini. Questa operazione dimostra l’impegno delle forze dell’ordine nel combattere la mafia e mettere fine alle attività illecite che danneggiano la società.

La lotta contro la mafia continua

L’operazione antimafia a Niscemi è solo l’ultimo episodio di una lunga lotta contro la criminalità organizzata. Le autorità italiane sono determinate a debellare la mafia e a garantire la giustizia per le vittime dei suoi reati. Questo impegno è fondamentale per la sicurezza e il benessere di tutti i cittadini.

Come ha dichiarato il Procuratore della Repubblica di Caltanissetta, Giovanni Bombardieri: “Questa operazione dimostra che la lotta contro la mafia è una priorità per le istituzioni italiane. Continueremo a combattere per garantire un futuro migliore ai nostri cittadini“.

La società civile, le istituzioni e le forze dell’ordine devono lavorare insieme per contrastare la criminalità organizzata e creare un ambiente sicuro per tutti. Solo attraverso un impegno costante e una cooperazione efficace sarà possibile sconfiggere la mafia e costruire un futuro migliore per l’Italia.