Mistero a Cremona: il caso dell’infermiere e dell’ex moglie trovati morti nel Po

Mistero A Cremona: Il Caso Dell'Infermiere E Dell'Ex Moglie Trovati Morti Nel Po Mistero A Cremona: Il Caso Dell'Infermiere E Dell'Ex Moglie Trovati Morti Nel Po
Mistero a Cremona: il caso dell'infermiere e dell'ex moglie trovati morti nel Po - Occhioche.it

Ultimo aggiornamento il 8 Luglio 2024 by Luisa Pizzardi

Autopsie cruciali

Le autopsie sui corpi di Stefano Del Re e Lorena Vezzosi, i coniugi separati trovati morti nella vettura dell’infermiere nelle acque del Po a Casalmaggiore, sono state fissate per le 10 di domani all’ospedale Maggiore di Cremona. Il medico anatomopatologo Elena Invernizzi avrà 60 giorni per formulare le conclusioni, accertando le cause dei decessi e le condizioni cliniche delle vittime. In particolare, si cercherà di comprendere se la morte di Vezzosi, ritrovata sull’auto in mutandine e reggiseno senza vestiti, sia stata violenta, come ipotizzano gli inquirenti, e con quale strumento sia stata condotta.

Indagini in corso

La Procura della Repubblica di Cremona ha aperto un fascicolo per omicidio a carico di Del Re, proprio come avvenuto per il caso di Rimini. Il pm responsabile del caso è Chiara Treballi, mentre l’avvocato di Del Re è Clara Carletti. Tra le ipotesi prese in considerazione, c’è quella che Del Re abbia stordito l’ex moglie con un sonnifero prima di far precipitare l’auto nel fiume. Essendo infermiere, il sospettato avrebbe potuto ottenere facilmente il necessario per compiere l’azione. Testimonianze raccolte descrivono una situazione di crescenti tensioni tra i due ex coniugi, con frequenti discussioni sulla gestione dei figli adolescenti e il sospetto di Del Re riguardo a una presunta nuova relazione della donna.

Approfondimenti

    Stefano Del Re e Lorena Vezzosi: Sono i coniugi separati trovati morti nella vettura dell’infermiere nelle acque del Po a Casalmaggiore. La morte di Vezzosi è particolarmente sospetta poiché è stata ritrovata sull’auto in mutandine e reggiseno senza vestiti, suggerendo la possibilità di morte violenta. Le autopsie sono cruciali per accertare le cause dei decessi e le condizioni cliniche delle vittime.

    Elena Invernizzi: È il medico anatomopatologo incaricato delle autopsie presso l’ospedale Maggiore di Cremona. Avrà 60 giorni per formulare le conclusioni riguardanti le morti di Stefano Del Re e Lorena Vezzosi.
    Procura della Repubblica di Cremona: Ha aperto un fascicolo per omicidio a carico di Del Re a seguito della morte dei coniugi. Il pm responsabile del caso è Chiara Treballi.
    Clara Carletti: È l’avvocato di Stefano Del Re, il sospettato nell’omicidio dei coniugi separati trovati morti.
    Il caso coinvolgente la morte dei coniugi separati ha generato diverse ipotesi, incluso il fatto che Del Re potrebbe aver stordito la sua ex moglie con un sonnifero prima di far precipitare l’auto nel fiume. Le tensioni crescenti tra i due ex coniugi, le discussioni sulla gestione dei figli adolescenti e i sospetti di Del Re riguardo a una presunta nuova relazione della donna sono elementi chiave nelle indagini in corso.