Sospensione breve patente per guida al cellulare: nuove regole codice strada

Sospensione Breve Patente Per

Sospensione breve patente per guida al cellulare: nuove regole codice strada - avvisatore.it

Nuove regole per la sospensione della patente: stretta sull’uso del cellulare alla guida

La commissione Trasporti della Camera ha dato il via libera a un emendamento che prevede la sospensione della patente da una settimana a quindici giorni per chi guida parlando al cellulare. Questa misura si aggiunge alle disposizioni del ddl di riforma del Codice della strada presentato dal governo, che contempla anche una delega all’articolo 17. Secondo la relatrice del provvedimento, Elena Maccanti (Lega), la sospensione della patente sarà applicata in base al numero di punti patente posseduti dal conducente, con tempi raddoppiati in caso di incidente causato.

  • La nuova normativa prevede il ritiro della patente per una settimana se si possiedono meno di 20 punti ma più di 10, mentre al di sotto di questa soglia la sospensione sarà di 15 giorni.

  • In caso di recidiva nel biennio, la sospensione sarà applicata già dalla prima violazione, rappresentando un cambiamento significativo rispetto alla normativa precedente.

«C’è stato davvero uno sforzo per trovare su alcuni dei temi sulla sicurezza stradale le formulazioni migliori e consegnare al Parlamento il testo migliore possibile: quello che andrà in aula il primo marzo offre strumenti importanti», sottolinea Maccanti.

Stretta anche sulla guida sotto effetto di sostanze stupefacenti e sugli interessi sulle multe

Oltre alla regolamentazione sull’uso del cellulare alla guida, la commissione ha approvato un emendamento che equipara gli accertamenti per la guida sotto effetto di sostanze stupefacenti a quelli per la guida in stato di ebbrezza. Questo significa che sarà sufficiente un controllo per sanzionare il conducente, eliminando la necessità di dimostrare l’assunzione di sostanze psicotrope.

  • Un altro emendamento ha fissato il tetto massimo degli interessi sulle multe al 66%, garantendo maggiore equità ai cittadini che si trovano in questa situazione.

  • Tuttavia, non è passato un emendamento che proponeva l’installazione obbligatoria di dispositivi contro gli “angoli ciechi” sui veicoli.

Prossimi passaggi e critiche dell’opposizione

Il testo delle nuove regole per la sospensione della patente e le altre disposizioni dovrà ora essere esaminato dalle commissioni competenti per i pareri, prima di approdare in aula a Montecitorio il primo marzo. Tuttavia, l’opposizione ha già annunciato un’interrogazione parlamentare criticando la riforma del codice della strada. Anthony Barbagallo, capogruppo Pd in commissione Trasporti, ha sottolineato che la velocità rimane la causa principale di incidenti stradali, non affrontata adeguatamente dalla nuova normativa.

In questo contesto, le nuove regole per la sospensione della patente e le altre disposizioni approvate rappresentano un tentativo di migliorare la sicurezza stradale e di garantire maggiore equità nei confronti dei trasgressori.

Copyright © 2023 Occhioche.it | Tutti i diritti riservati. Giornale Online di Notizie di KTP.agency | Email: info@ktp.agency | Questo blog non è una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 | CoverNews by AF themes.