Zio di Kata ai domiciliari, gip ritiene il carcere deterrente

Zio Di Kata Ai Domiciliari Gi

Zio di Kata ai domiciliari, gip ritiene il carcere deterrente - avvisatore.it

Lo zio di Kata, Abel Alvarez Vasquez, agli arresti domiciliari dopo quattro mesi di carcere

Lo zio materno di Kata, Abel Alvarez Vasquez, è stato scarcerato dopo quattro mesi di detenzione e si trova ora agli arresti domiciliari. L’uomo era stato arrestato nell’ambito dell’inchiesta sul presunto racket delle camere organizzato nell’ex hotel Astor, occupato abusivamente, dove la bambina era scomparsa il 10 giugno scorso.

Il gip di Firenze accoglie la richiesta di arresti domiciliari

Il giudice per le indagini preliminari di Firenze, Angelo Antonio Pezzuti, ha accolto la richiesta di arresti domiciliari avanzata dall’avvocato Elisa Baldocci per Abel Alvarez Vasquez. La decisione è stata presa dopo il parere favorevole della pm Christine von Borries. Secondo quanto scritto dal giudice nella sua ordinanza, “il periodo di tempo trascorso in carcere sembra avere esercitato un’adeguata efficacia deterrente verso il pericolo di recidiva”. Pur ritenendo che sussistano ancora esigenze cautelari, il gip ha ritenuto che queste possano essere attenuate e salvaguardate con gli arresti domiciliari.

Le accuse e il raid punitivo all’ex hotel Astor

Abel Alvarez Vasquez era stato arrestato ad agosto insieme ad altre tre persone: Carlos De La Colina Palomino, Nicolas Lenes Aucaucasi e Carlos Manuel Salinas Mena. Le accuse a loro carico includono estorsione, tentata estorsione, rapina, tentato omicidio e lesioni gravi commesse il 28 maggio scorso. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, quella sera all’ex hotel Astor si verificò un raid punitivo con l’utilizzo di bastoni e mazze da baseball nei confronti di un occupante ecuadoregno, che si gettò dalla finestra per salvarsi la vita. Attualmente, Carlos De La Colina si trova agli arresti domiciliari da una settimana, così come Nicolas Lenes Aucacasi, mentre per Carlos Manuel Salinas Mena è stato disposto l’obbligo di firma.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA