Amadeus critica la Ferrari: la reazione è immediata

Amadeus Critica La Ferrari La

Amadeus critica la Ferrari: la reazione è immediata - avvisatore.it

Amadeus scherza sulle luci a Sanremo: la risposta di Paola Ferrari

Durante la prima conferenza stampa del Festival di Sanremo, il direttore artistico Amadeus ha fatto una battuta sulle luci troppo forti che utilizza abitualmente nelle sue trasmissioni, paragonandosi alla conduttrice Paola Ferrari. La risposta di Paola Ferrari non si è fatta attendere.

In sala stampa, Amadeus ha ammesso di avere difficoltà a vedere i giornalisti a causa delle luci troppo intense e ha scherzato dicendo: “Sembro Paola Ferrari“. Questo commento ha suscitato sgomento, ma per riprendersi dalla battuta, Amadeus ha inviato i suoi saluti alla conduttrice.

Poco dopo, Fanpage ha contattato Paola Ferrari, che ha rivelato di non essersi offesa, poiché i due sono legati da una grande amicizia, nonostante tifino per squadre di calcio avversarie, Inter e Milan. Paola ha dichiarato: “L’ho presa in modo giocoso, come è stato lui. Io e Amadeus siamo molto amici, a parte il fatto che lui è interista e io sono milanista. Ho partecipato al suo Soliti Ignoti facendo un record di 300mila euro in beneficenza. La nostra amicizia dura da trent’anni e gli voglio molto bene. Per questo motivo, mi ha fatto ridere e gli ho risposto subito: ‘Ama, quelle luci così forti sono per piallarmi il naso’. Magari può invitarmi a Sanremo e vediamo come mi trovo con le luci. Comunque, mi ha fatto piacere che mi abbia ricordato e per me è un onore che lo abbia fatto nel momento più importante per noi, che è il Festival di Sanremo“.

Sembra quindi che la battuta non abbia infastidito Paola Ferrari, che anzi si è dimostrata molto divertita. Tuttavia, ha colto l’occasione per fare un appello all’amico, chiedendogli un posto all’interno del festival. Infatti, qualche anno fa, la sua collega Diletta Leotta ha avuto questa opportunità. Paola ha affermato: “Non mi ha mai invitato. Sono andata solo come giornalista, ma mai sul quel palco. Eppure, ci sono andate Diletta Leotta e Ilaria D’Amico, ma io no“.

La conduttrice ha dichiarato di essere pronta anche per un “invito last minute”. Chissà se Amadeus troverà un piccolo spazio per lei, per farsi perdonare.

La prima conferenza stampa del Festival di Sanremo

Questa mattina si è tenuta la prima conferenza stampa del Festival di Sanremo, suscitando grande emozione e curiosità in vista dell’evento che inizierà domani, 6 febbraio.

Il direttore artistico, rispondendo alle domande dei giornalisti, ha chiarito di non aver ricevuto alcuna pressione da parte delle istituzioni politiche e che l’amministratore delegato Roberto Sergio gli ha dato carta bianca.

Amadeus ha poi spiegato di aver scelto 30 Big perché non è riuscito a scartare alcune canzoni che, secondo lui, meritano davvero e non vede l’ora che il pubblico possa ascoltarle. Ha anche ammesso di aver modificato il regolamento per consentire la partecipazione di testi interamente in un’altra lingua o in dialetto. Tuttavia, la canzone di Geolier è interamente in napoletano e Amadeus ha dichiarato di aver cambiato personalmente le regole pur di far entrare in gara il giovane artista.

Per quanto riguarda gli ospiti speciali e i co-conduttori, non sono previsti monologhi, se non in alcuni casi particolari, ma Amadeus non ha voluto svelare troppo. Ha anche chiarito che non saranno dedicati momenti alle guerre attualmente in corso, come accaduto l’anno scorso, mentre il 10 febbraio verranno dedicati alcuni minuti alla giornata del ricordo per le foibe.

C’è grande fermento e manca davvero poco al grande evento che tanti italiani (e non solo) aspettano con trepidazione. Molti sono curiosi di ascoltare le canzoni e di vedere cosa ha preparato questa volta Amadeus, soprattutto perché si dice che potrebbe essere l’ultimo festival da lui condotto.

Copyright © 2023 Occhioche.it | Tutti i diritti riservati. Giornale Online di Notizie di KTP.agency | Email: info@ktp.agency | Questo blog non è una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07.03.2001 | CoverNews by AF themes.