Possibile espulsione di Mara Venier dalla Rai: l’opinione di Selvaggia Lucarelli

Possibile espulsione di Mara Venier dalla Rai: l'opinione di Selvaggia Lucarelli - avvisatore.it

Mara Venier e la controversia sul comunicato pro-Israele durante Domenica In

La conduttrice televisiva Mara Venier si è trovata al centro di una controversia mediatica dopo aver letto un comunicato stampa pro-Israele durante una puntata speciale di Domenica In dedicata al Festival di Sanremo. Venier, in difficoltà per le affermazioni forti di Ghali e Dargen D’Amico sulla guerra palestino-israeliana, è stata costretta dall’AD Rai Roberto Sergio a leggere in diretta un comunicato che difendeva Israele contro la violenza di Hamas. Tuttavia, molti utenti sui social media hanno accusato la conduttrice di censura nei confronti di opinioni diverse da quelle promosse dal partito politico di maggioranza attuale.

Selvaggia Lucarelli critica Mara Venier e il comunicato Rai pro-Israele

Anche la giornalista Selvaggia Lucarelli ha commentato la questione, focalizzandosi sulle parole pronunciate da Venier durante la trasmissione. Lucarelli ha sottolineato la generalizzazione delle posizioni espresse dalla conduttrice, che ha affermato: “Ogni giorno i nostri telegiornali e i nostri programmi raccontano e continueranno a farlo la tragedia degli ostaggi nelle mani di Hamas oltre a ricordare la strage dei bambini, donne e uomini del 7 ottobre. La mia solidarietà al popolo di Israele e alla Comunità Ebraica è sentita e convinta. Sono le parole che ovviamente condividiamo tutti, del nostro Amministratore delegato Roberto Sergio”. Questa generalizzazione non è stata ben accolta dal pubblico, dai giornalisti e nemmeno da Lucarelli stessa.

Possibile rimozione di Mara Venier dalla Rai? Le parole di Selvaggia Lucarelli

Rispondendo a domande su Instagram, Selvaggia Lucarelli ha commentato la situazione, affermando che Venier potrebbe essere rimossa dalla Rai come conseguenza di questa controversia. Tuttavia, Lucarelli ha sottolineato che questa non sarebbe una decisione giusta. Ha anche invitato il pubblico a lottare affinché la televisione smetta di essere politicizzata e a sostenere le persone che condividono le stesse idee, a fare scelte oculate e a osservare i silenzi complici. La giornalista ha anche criticato coloro che hanno scelto di rimanere in silenzio anziché prendere posizione su questa questione.